#AnticrimineOggi

Succede a Siracusa e provincia: 25 gennaio MATTINA

cc4
25 gen 2017 - 13:48

SIRACUSA - Ecco le operazioni condotte dai carabinieri a Siracusa e provincia:

  • Nella giornata di ieri i carabinieri del Comando Stazione di Priolo Gargallo hanno dato esecuzione alla misura dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Angelo Sortino, 45 anni, catanese, nullafacente, pregiudicato, per il reato di furto con strappo aggravato in concorso. Il provvedimento scaturisce al termine di una complessa ed articolata attività investigativa svolta nei comuni di Priolo, Carlentini, Augusta, Villasmundo e Siracusa dai militari della Stazione di Priolo e coordinata dal pubblico ministero Margherita Brianese della Procura di Siracusa. Le indagini, avviate per contrastare una sequenza di episodi di furto con strappo avvenuti sempre con modalità similari nei territori di diversi comuni della provincia e che avevano terrorizzato numerosi anziani vittime degli scippatori seriali, già a maggio scorso avevano consentito di sottoporre a fermo un altro soggetto catanese, Carlo Milici, 32 anni, disoccupato, pregiudicato, primo ad essere individuato come responsabile di almeno sei episodi di scippi commessi in concorso con altra persona, successivamente identificata proprio in Angelo Sortino, arrestato ieri. L’attività d’indagine era iniziata a seguito di due furti con strappo avvenuti a Priolo ai danni di due donne che, come nel più tipico dei casi, venivano avvicinate da due ragazzi a bordo di uno scooter con la scusa di una richiesta di informazioni, per poi subire lo strappo della catenina d’oro che portavano al collo. Grazie all’analisi del modus operandi dei due soggetti, dallo studio di altri casi similari avvenuti in altri comuni e dalle testimonianze rese dalle vittime, i Carabinieri sono riusciti ad identificare i due scippatori seriali: in un primo momento il Milici che, passeggero del ciclomotore, aveva il ruolo di strappare gli oggetti di valore alle vittime, ed in un secondo momento colui che materialmente conduceva lo scooter usato per gli scippi, ossia il Sortino. Nella sera di ieri i Carabinieri di Priolo hanno individuato il Sortino all’interno della sua abitazione a Catania e, dopo le incombenze di rito, l’uomo è stato associato presso la casa circondariale di Piazza Lanza, mentre il Milici sottoposto a fermo a maggio 2016, ha poi patteggiato la pena;
    milici carlo sortino angelo
  • Nel corso del pomeriggio di ieri martedì 24 gennaio, a Rosolini, i Carabinieri della locale Stazione, impiegati nell’ambito del quotidiano servizio di controllo del territorio, hanno arrestato, in ottemperanza ad ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare emesso dal Tribunale di Sorveglianza di Catania, Salvatore Gennuso, 74 anni. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia, deve scontare la pena detentiva di 1 anno e 5 mesi di reclusione per il reato di bancarotta fraudolenta aggravata per fatti-reato commessi dal 1994 al 2002 in qualità di titolare di diverse aziende operanti in provincia di Siracusa. Contestualmente, i militari operanti hanno sottoposto alla misura alternativa alla detenzione dell’affidamento in prova ai servizi sociali L. I. 64 anni, moglie di Gennuso, coinvolta anch’essa nei medesimi fatti reato. Condotto in caserma, Salvatore Gennuso è stato tratto in arresto e, espletate le formalità di rito, sottoposto al regime della detenzione domiciliare presso la propria abitazione.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento