#AnticrimineOggi

Succede a Siracusa e provincia 2 maggio POMERIGGIO

Foto di repertorio
2 mag 2017 - 18:00

SIRACUSA - Ecco i fatti di cronaca più rilevanti di oggi martedì 2 maggio 2017, pomeriggio.

-   1 arresto per il reato di evasione.

Nell’ambito dei servizi preventivi, i Carabinieri della Tenenza di Floridia hanno arrestato in flagranza di reato Mario Melino, classe 1981, floridiano, perché sorpreso fuori dalla propria abitazione, nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari. Il soggetto solo pochi giorni fa era stato arrestato sempre dai Carabinieri di Floridia ai quali aveva cercato di sfuggire nascondendosi sotto un’autovettura. L’umo, su disposizione dell’AG, è stato sottoposto nuovamente agli arresti domiciliari.

melino mario

-    2 denunce per il reato di guida senza patente.

M. C. classe 1989 e B. M. classe 1989 sono stati colti alla guida dei rispettivi veicoli sprovvisti di patente di guida perché mai conseguita: per loro, alla luce della recidiva accertata nell’ultimo biennio, scatta una denuncia a piede libero oltre al fermo amministrativo del mezzo.

-    1 denuncia per il reato di ricettazione.

B. M. A. classe 1985, a seguito di perquisizione domiciliare, è stata trovata in possesso di uno smartphone di ultima generazione risultato provento di furto denunciato lo scorso mese ai Carabinieri di Pachino. Il cellulare è stato restituito al legittimo proprietario.

-    1 denuncia per violazione degli obblighi imposti dalla sorveglianza speciale di p.s..

L. R. classe 1975, in atto sottoposto alla misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, è stato sorpreso in compagnia di altri soggetti gravati da precedenti penali, violando, così, le prescrizione impostagli dalla citata misura di prevenzione;

-    2 denunce per il reato di furto aggravato.

P. G. classe 1991 e M. G. classe 1989 sono stati denunciati per il reato di furto aggravato in quanto sorpresi dai Carabinieri subito dopo aver asportato circa 10 kg di cavi elettrici in rame da un oleificio, attualmente in stato di abbandono, sito nel comune di Buccheri;

-    1 denuncia per il reato di furto di energia elettrica.

C. C. classe 1977 dovrà rispondere di furto di energia elettrica poiché, a seguito di mirato controllo eseguito unitamente a personale specializzato Enel nella propria abitazione, veniva accertata la manomissione del contatore dell’energia elettrica finalizzata a ridurre il conteggio dei consumi realizzata applicando un magnete sul retro dell’apparato;

-    elevate sanzioni amministrative per un importo di oltre 14.000 euro per violazioni in materia igienico – sanitaria.

In particolare, a seguito dei vari controlli effettuati con il supporto dei Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Ragusa in vari esercizi commerciali del territorio, in un negozio di Rosolini per la vendita al dettaglio di generi alimentari sono state accertate violazioni di varia natura, tra cui la mancanza delle indicazioni in lingua italiana dei prodotti alimentari posti in vendita, l’assenza dell’attestato di formazione alimentarista per il personale impiegato, l’impossibilità di accertare la provenienza di numerosi prodotti in quanto confezionati in contenitori privi di idonea etichettatura. Nel corso del servizio sono state sottoposte a sequestro circa 300 confezioni di prodotti alimentari di varia natura di cui non è stato possibile individuare né l’esatta natura né la provenienza.

-          Ricuperato un motociclo rubato.

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Siracusa, a seguito di una breve ricerca, hanno rinvenuto una moto di grossa cilindrata che era stata rubata ad un turista. Il mezzo è stato recuperato all’interno di un condominio di Siracusa e restituito al proprietario.

-  21 contravvenzioni per infrazioni varie al Codice della strada di cui 8 ad altrettanti soggetti trovati alla guida della propria autovettura con patente mai conseguita per i quali, alla luce della recente modifica normativa di settore, è scattata una sanzione amministrativa pari a cinquemila euro ciascuno ed il fermo amministrativo del mezzo; 3 persone sono state sanzionate poiché sorprese alla guida del proprio veicolo sprovvisto di copertura assicurativa obbligatoria: per loro è scattata la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 841 a euro 3.287 con relativo sequestro amministrativo del mezzo; 6 persone sono state colte alla guida dei propri motocicli/ciclomotori senza indossare il casco: per ciascuno di loro scatta una sanzione pecuniaria da 80 a 323 euro, il fermo amministrativo del mezzo per 60 giorni nonché la decurtazione di 5 punti dalla patente; 4 persone sono state colte alla guida della propria auto senza indossare le cinture di sicurezza; 1 persona è stata sanzionata in quanto non si è fermata all’alt intimatogli dai militari operanti; 3 persone sono state contravvenzionate poiché trovate senza documenti di guida e/o di circolazione al seguito.

-   8 persone segnalate alla Prefettura quali assuntori di sostanze stupefacenti in quanto trovate tutte in possesso di alcune dosi di stupefacente destinato all’uso personale che sono state sottoposte a sequestro;

-    950 persone controllate ed identificate;

-   713 mezzi fermati e sottoposti a controllo;

-  82 posti di controllo effettuati lungo le arterie stradali e nei pressi dei luoghi di maggiore aggregazione di massa;

-  controllate 65 persone sottoposte ad obblighi di vario genere in tutto il territorio di competenza.

Infine militari della Stazione Carabinieri di Francofonte, hanno arrestato, in flagranza di reato, Massimiliano Pepi, francofontese, cl 75, per il reato di evasione. Nella fattispecie l’uomo, sebbene sottoposto dal mese di aprile 2017 al regime della detenzione domiciliare, per aver commesso, nel 2011, un efferato omicidio ai danno di un anziano del posto, è stato rintracciato all’esterno della sua abitazione. L’arrestato che ai militari non forniva alcuna spiegazione in merito alla palese violazione delle prescrizioni impostegli, espletate le formalità di rito, è stato sottoposto nuovamente agli arresti domiciliari nella propria abitazione cosi come disposto dall’Autorità Giudiziaria. 

pepi massimiliano

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA