#AnticrimineOggi

Succede a Siracusa e provincia: 16 gennaio POMERIGGIO

carabinieri
16 gen 2017 - 16:31

SIRACUSA - Carabinieri. Ecco i fatti di cronaca di quest’oggi a Siracusa e provincia:

  • I carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato Fabio Breci, siracusano di 18 anni, già sottoposto agli arresti domiciliari per furto aggravato, in quanto sorpreso dai militari dapprima a non essere presente nella propria abitazione e successivamente a rincasare dopo aver passeggiato per le vie della città. Il ragazzo, alla richiesta degli operanti riguardo al motivo per cui non si trovasse a casa, ha risposto dicendo che voleva semplicemente fare un giro. Così, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto nuovamente agli arresti domiciliari così come disposto dall’autorità giudiziaria di Siracusa.

  • I carabinieri di Lentini a conclusione di un’intensa attività investigativa hanno arrestato, su ordine di custodia cautelare in carcere il lentinese Daniele Concetto Panarello, 42 anni, pregiudicato, in quanto responsabile dell’incendio di una vettura posteggiata accanto ad altre macchine ed in presenza di alberi di alto fusto.

panarello daniele concetto cl.75

Il giorno di Natale i militari sono intervenuti per la segnalazione di un veicolo in fiamme, combustione che dai  primi accertamenti eseguiti sembrava essere divampata a causa di cortocircuito. Nei giorni successivi all’evento, i militari che avevano avviato le indagini in quanto insospettiti dai comportamenti del Panarello, hanno raccolto numerosi indizi di colpevolezza a carico dell’uomo che, una volta condivisi dalla procura della Repubblica di Siracusa, hanno portato all’emissione a suo carico del provvedimento restrittivo in carcere. Dall’attività investigativa svolta, infatti, è emerso come il Panarello abbia incendiato il veicolo perché sofferente di un sentimento di risentimento non chiarito, probabilmente acuitosi in concomitanza del succedersi delle festività natalizie. L’arrestato, una volta espletate le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di “Cavadonna” come disposto dall’autorità giudiziaria.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento