#AnticrimineOggi

Succede a Siracusa e provincia: 10 maggio MATTINA

mattinale siracusa 10 maggio
10 mag 2017 - 13:43

SIRACUSA - Carabinieri: ecco i fatti di cronaca più importanti della mattina a Siracusa e provincia.

  • I carabinieri di Floridia, nell’ambito di un servizio per il contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato Giuseppe Italia, 20 anni, disoccupato, con precedenti. Dopo una perquisizione all’interno della sua abitazione, sono state rinvenute diverse dosi di marijuana del peso complessivo di quasi 40 grammi di stupefacente, che Italia deteneva ai fini di spaccio. Il 20enne, su disposizione dell’AG di Siracusa, è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

ITALIA Giuseppe, cl. 1997

  •  I carabinieri di Pachino, insieme con i militari di Noto hanno tratto in arresto Brancato Michele, 52 anni, in flagranza dei reati di porto abusivo di arma comune da sparo e violenza privata. I militari sono stati avvertiti dalla ex convivente dell’uomo che, spaventata, ha richiesto l’intervento immediato di una pattuglia riferendo che l’ex compagno, al culmine di una discussione per futili motivi, aveva rotto il vetro di una finestra e stava cercando di entrare in casa. Giunti sul posto i carabinieri hanno bloccato Brancato, impedendo che la situazione degenerasse in più gravi conseguenze. Ma da subito l’uomo è apparso particolarmente agitato: i militari, pertanto, lo hanno perquisito, trovando nella tasca del giubbotto una pistola Beretta calibro 6,35 con relativo caricatore comprensivo di 7 proiettili di cui l’uomo non era autorizzato al porto. Da quanto ricostruito, alla base dell’episodio ci sarebbero vecchie incomprensioni mai appianate tra i due ex conviventi che, dopo una relazione durata diversi anni, si sono separati da alcuni mesi restando non in ottimi rapporti. Condotto in caserma, Brancato è stato dichiarato in stato di arresto e, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione al regime degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo presso il Tribunale di SiracusaBRANCATO Michele cl. 1965
  • A Noto, in contrada Baroni, i carabinieri di Pachino hanno arrestato in flagranza del reato di lesioni personali aggravate Maurizio Ruscica, 47 anni, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia. I carabinieri hanno notato un uomo seduto sul ciglio della strada con il capo sanguinante. Immediatamente i militari si sono fermati per prestare i primi soccorsi al ferito, richiedendo l’intervento di personale del 118 e raccogliendo le informazioni necessarie per ricostruire quanto accaduto. L’uomo ha raccontato che poco prima, Ruscica lo aveva raggiunto per riprendere il proprio gregge di pecore, che era stato affidato alla vittima per essere condotto al pascolo, e ricondurlo alle stalle per la notte. Ma tra i due uomini è nata un’accesa discussione, legata ad un debito non onorato, che ben presto è degenerata in insulti e minacce finché Ruscica, dopo aver impugnato un bastone raccolto per terra, ha colpito al capo l’uomo e si è allontanato con le pecore. Fortunatamente la vittima se la caverà con pochi giorni di prognosi e tanto spavento.

RUSCICA Maurizio cl. 1970

  • I carabinieri sono intervenuti all’“Ard Discount” di via Elorina a causa di un grosso incendio che ha coinvolto l’intera struttura. Da una prima ispezione effettuata con il personale dei Vigili del fuoco di Siracusa, tutti gli elementi raccolti farebbero pensare che l’incendio possa essere stato provocato da un corto circuito, anche perché tutte le porte e le finestre dello stabile erano correttamente chiuse, senza segni di scasso. Sono comunque in corso ulteriori accertamenti.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA