#AnticrimineOggi

Succede a Palermo e provincia: 22 novembre MATTINA

S
22 nov 2016 - 13:21

PALERMO - Carabinieri e polizia municipale. Ecco i fatti di cronaca più importanti di Palermo e provincia:

  • Nel pomeriggio di venerdì scorso, i militari della locale stazione hanno proceduto al controllo di una vettura sulla quale viaggiava un giovane altavillese, Alessio Nasta, palermitano di 20 anni. Il ragazzo, già conosciuto alle forze dell’ordine, è stato trovato in possesso di circa 2 grammi di hashish e pertanto segnalato quale assuntore. La perquisizione domiciliare effettuata dai militari ha poi rivelato come il ragazzo, nella propria abitazione, avesse effettuato un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica, tramite il quale alimentava l’immobile e quindi è stato arrestato per il furto di energia elettrica. Il sabato successivo è stato arrestato anche il padre, Carmelo Nasta, 45 anni, anch’egli volto noto alle forze dell’ordine. L’uomo infatti, nel pomeriggio di sabato, mentre viaggiava a bordo della propria autovettura insieme ad un altro soggetto, veniva fermato per un controllo alla circolazione stradale da una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile. Nella circostanza l’atteggiamento agitato dell’uomo insospettiva i militari, i quali procedevano ad effettuare un’accurata perquisizione, rinvenendo un involucro in plastica contenente 5 grammi di cocaina, celata nelle parti intime. Tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, l’uomo è stato sottoposto nella propria abitazione agli arresti domiciliari su disposizione dell’autorità giudiziaria.

nasta-alessionasta-carmelo

(In alto da sinistra: Alessio Nasta, 20 anni; Carmelo Nasta 45 anni)

  • Il nucleo controllo attività produttive (Caep) della polizia municipale ha posto i sigilli ad un bar di via Empedocle Restivo; al titolare D.P. di 25 anni, sono state comminate sanzioni per un importo totale di 8.000 euro perché non aveva le autorizzazioni previste dalla normativa vigente per la conduzione dell’attività. Gli agenti hanno accertato l’assenza della segnalazione di inizio di attività (Scia) da inviare a cura del titolare allo sportello unico delle attività produttive e la documentazione sanitaria necessaria per l’attività di somministrazione di alimenti e bevande. Il sequestro è da inquadrare nell’ambito dei controlli amministrativi e sulla sicurezza alimentare predisposti a tutela del consumatore. In tale direzione, gli ultimi due interventi hanno riguardato il sequestro di oltre trenta chili di molluschi marini ad un venditore abusivo che in via Savonarola esponeva per strada, cozze, vongole e ostriche, in cattivo stato di conservazione ed esposte alla polvere stradale ed agli agenti atmosferici. Mentre in precedenza era stata sequestrata una “Ape” adibita a friggitoria ambulante, perché il titolare non aveva le dovute autorizzazioni ed il piano di lavoro per la manipolazione dei cibi e gli ingredienti utilizzati sono stati riscontrati in condizioni igieniche carenti.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA