#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 8 ottobre MATTINA

8ottobre
8 ott 2016 - 13:54

CATANIA - Polizia e carabinieri: ecco le operazioni più importanti della mattina.

  • I Carabinieri della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato, nella flagranza, il 21enne, catanese, Jonathan Romano, per evasione e resistenza a pubblico ufficiale. È accaduto ieri sera a San Cristoforo dove gli uomini del Nucleo Operativo nel pattugliare il quartiere hanno incrociato e riconosciuto il detenuto alla guida di un motociclo. Questi alla vista dei militari, che nel frattempo gli avevano intimato l’alt, è fuggito tra le vie del quartiere. Dopo un concitato inseguimento gli operanti sono riusciti a bloccarlo in via delle Margherite dove hanno reso vano anche il tentativo di fuga a piedi del reo. L’arrestato, in attesa della direttissima, è stato ricollocato agli arresti domiciliari. 

romano-jonathan-22-3-95

  •  I Carabinieri della Compagnia di Catania Fontanarossa hanno arrestato, nella flagranza il 19enne, catanese, Christian Gangi, reo di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Nello svolgere uno dei tanti servizi antidroga a Librino, i militari del Nucleo Operativo hanno sorpreso lo spacciatore nel preciso istante in cui vendeva “erba” ad alcuni assuntori. Fermato e perquisito è stato trovato in possesso di ulteriori dosi di marijuana del peso complessivo di circa 40 grammi. La droga è stata sequestrata mentre l’arrestato, in attesa di giudizio, è stato relegato agli arresti domiciliari.

gangi-christian-29-1-1997

  • I Carabinieri della Stazione di Pedara hanno arrestato il 53enne Antonio Croazzo, del posto, in esecuzione di un ordine per l’espiazione di pena detentiva emesso dal Tribunale di Catania. L’uomo è stato condannato dai giudici a 2 anni di reclusione per ricettazione, reato commesso nel biennio 2009-2010. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato ristretto nel proprio domicilio dove sconterà la pena inflittagli.

croazzo-antonino-cl-63

  • I Carabinieri della Compagnia di Giarre, coadiuvati dai colleghi della Compagnia d’Intervento Operativo del battaglione “Sicilia”, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio ottenendo i seguenti risultati:

 - arrestato il 41enne, giarrese, Sebastiano Lanzafame, per furto aggravato. L’uomo è stato sorpreso all’interno di un terreno – agro di Giarre – mentre caricava in auto dei sacchi di juta colmi di limoni rubati poco prima dal quell’agrumeto. La refurtiva, equivalente a circa 700 Kg di agrumi, è stata restituita al legittimo proprietario del fondo agricolo. L’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari;

lanzafame-sebastiano-nato-ad-acireale-il-24-02-1975

- arrestato, il 55enne Antonino Finocchiaro, di Mascali, in esecuzione di un ordine per l’espiazione di pena detentiva emesso dal Tribunale di Catania. L’uomo è stato condannato dai giudici per evasione, reato commesso a Mascali nel Novembre del 2014. L’arrestato espierà la pena di mesi 1 di reclusione ristretto nel proprio domicilio;

finocchiaro-antonino-nato-ad-acireale-il-07-09-1961

- denunciati un 25enne ed un 18enne, entrambi di Riposto, per guida in stato di ebbrezza. I militari, durante un controllo alla circolazione stradale, hanno sorpreso i due alla guida delle rispettive auto con un tasso di alcol nel sangue superiore ai limiti consentiti;

- denunciato un 23enne, di Calatabiano, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I Carabinieri a conclusione di una breve ma proficua attività info investigativa hanno perquisito l’abitazione del giovane rinvenendo, abilmente occultati nell’armadio della sua stanza, una busta contenente 14 grammi di marijuana, opportunamente sequestrata;

- denunciato un 24enne, di Mascali, titolare di un centro scommesse, per la mancata esposizione della tabella dei giochi proibiti;

- infine un giovane di Taormina è stato segnalato alla Prefettura poiché trovato in possesso di modiche quantità di sostanza stupefacente

Durante il servizio sono state inoltre controllate 100 persone, 60 veicoli, di cui 1 sottoposto a sequestro amministrativo, eseguite 15 perquisizioni domiciliari ed elevate 20 sanzioni al codice della strada per un valore complessivo pari a 3.300 euro.
Pregiudicato senza patente forza un posto di controllo: Inseguito ed arrestato.

  • I Carabinieri della Stazione di Fiumefreddo di Sicilia hanno arrestato, nella flagranza, il 35enne Cateno Russo, di Mascali, poiché ritenuto responsabile di resistenza a pubblico ufficiale e guida senza patente (revocata con recidiva). Nel corso di un controllo alla circolazione stradale, eseguito in via Roma a Mascali, i militari hanno imposto l’alt ad una Lancia Musa condotta proprio dal 35enne. Questi invece di fermarsi ha dapprima tentato di investire uno dei due carabinieri fuggendo poi via. Immediatamente inseguito, dopo una rocambolesca gincana tra le vie cittadine, che poteva mettere a repentaglio l’incolumità di altri cittadini per le manovre spericolate del malvivente, gli operanti sono riusciti a bloccarlo ed ammanettarlo. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato relegato agli arresti domiciliari in attesa del rito per direttissima.

russo-cateno-nato-ad-acireale-il-12-02-1981

  •   I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Paternò hanno arrestato Giorgio Grasso, 40enne, paternese, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catania. L’uomo si trovava ai domiciliari dal 29 settembre scorso perché arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti – 19 kg di “marijuana” nascosti nel garage di casa -. Gli opportuni approfondimenti investigativi svolti dagli uomini dell’Arma sul fatto reato in esame hanno convinto il giudice ad inasprirne il regime detentivo con conseguente ordine di arresto e trasferimento del reo nel carcere di Catania Piazza Lanza.

grasso-giorgio-paterno-7-7-1976

  • Personale della Squadra Mobile – Sezione Criminalità Organizzata “Squadra Catturandi” nell’ambito delle attività volte al rintraccio di persone colpite da provvedimento restrittivo emessi dall’A.G. ha tratto in arresto: Marcello Fazio, 52 anni, destinatario di ordine di esecuzione emesso in data 6.10.2016 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali, dovendo espiare la pena di mesi 7 di reclusione per il reato di truffa; Giovanni Pellegrino, 40 anni, destinatario di ordine di esecuzione emesso in data 7.10.2016 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Caltanissetta – Ufficio Esecuzioni Penali, dovendo espiare la pena di anni 3 e mesi 8 di reclusione per il reato di furto aggravato.

fazio-marcello-classe-1964 pellegrino-giovanni-classe-1976

  • Ieri, personale delle Volanti dell’U.P.G.S.P., durante il servizio di controllo del territorio nel rione Librino, conosciuto come una delle principali piazze di spaccio, notava alcuni giovani che alla vista dell’autovettura di servizio si davano a precipitosa fuga rifugiandosi all’interno di una palazzina. Gli operatori di polizia, introdottisi nello stabile per ricercare i fuggiaschi che nel frattempo si erano dileguati, giunti al quinto piano, rinvenivano all’interno del vano ascensore due buste in cellophane contenenti una pistola Beretta cal. 7,65 con matricola abrasa fornita di caricatore e relativo munizionamento, e circa 500 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana. Il tutto veniva sottoposto a sequestro a carico d’ignoti. 
  • Medesimo personale, nel quadro dei servizi predisposti dal Questore Marcello Cardona, unitamente ad equipaggi dei Commissariati di P.S., del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale e della Polizia Municipale, ha effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio volto al contrasto dei reati predatori, delle infrazioni al codice della strada e del fenomeno dell’abusivismo commerciale. Nel corso del servizio sono stati conseguiti i seguenti risultati: 162 le persone identificate; 135 i veicoli controllati; 2 i fermi amministrativi per mancanza di casco; 3 i veicoli sequestrati per mancata copertura assicurativa; 3 i veicoli sottoposti a fermo per casco; 2 le carte di circolazioni ritirate; 4 gli esercizi pubblici controllati; 4 le contestazioni per occupazione abusiva suolo pubblico. Sempre nella stessa giornata il citato personale delle Volanti dell’U.P.G.S.P. ha indagato in stato di libertà per il reato di atti osceni in luogo pubblico il catanese T. J. F., 39 anni. Nello specifico, l’uomo, nella tarda mattinata, veniva sorpreso, da solo, a bordo della propria autovettura in via R. Imbriani, nei pressi dell’istituto scolastico Liceo Superiore Mario Cutelli, a compiere atti osceni davanti agli occhi increduli dei passanti che assistendo a tale indecoroso spettacolo hanno subito chiamato il 113.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA