#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 8 novembre MATTINA

gazzelle
8 nov 2016 - 13:11

CATANIA - Ecco le operazioni più importanti condotte da Carabinieri e Polizia a Catania e provincia:

  • I Carabinieri della Compagnia di piazza Dante hanno arrestato, nella flagranza, il 22enne catanese Giovanni Germanà, perché ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Nel corso di uno dei tanti servizi antidroga eseguiti nel popoloso quartiere catanese, ieri sera, i militari del Nucleo Operativo, all’angolo tra via Trovatelli e via Alogna, hanno sorpreso il giovane spacciatore mentre vendeva droga ad alcuni “clienti”. Immediatamente bloccato e perquisito è stato trovato in possesso di 7 dosi di marijuana, confezionata per smercio al dettaglio, e di 135 euro in contanti. Il denaro e la droga sono stati sequestrati mentre l’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari;
    germana-giovanni-6-5-94
  • Ieri pomeriggio un ordine di custodia cautelare in carcere ha raggiunto un altro affiliato della famiglia mafiosa dei Santapaola-Ercolano che va a completare l’operazione eseguita il 4 novembre scorso dai Carabinieri della Compagnia di Gravina di Catania, conclusasi con l’arresto di altri quattro aderenti tutti responsabili di estorsione aggravata e continuata in concorso con l’aggravante di avere agito con il metodo mafioso. Grazie alle indagini degli investigatori dell’Arma, coordinate dalla DDA della Procura Distrettuale di Catania, il G.I.P. del Tribunale etneo ha potuto emettere il provvedimento restrittivo a carico del 45enne Carmelo Puglisi, di Tremestieri Etneo, anch’egli considerato parte integrante dell’atto criminoso posto in essere nei confronti dell’imprenditore di Belpasso. L’uomo, già detenuto per altra causa, rimarrà recluso nel carcere di Catania Bicocca a disposizione dell’Autorità giudiziaria.
    puglisi-carmelo-24-12-1970
  • La Polizia di Stato ha arrestato il pregiudicato Francesco Muscia, 32 anni, in quanto responsabile dei reati di detenzione illegale di arma comune e del relativo munizionamento, ricettazione della stessa, nonché ricettazione di numerosi capi d’abbigliamento provento di furto. Nella mattinata di ieri, nel corso di perquisizione domiciliare eseguita nell’abitazione dell’uomo, a San Gregorio di Catania, è stata trovata una pistola calibro 7,65, con relativo munizionamento, risultata provento di furto commesso nel mese di luglio 2014 a Nicolosi, oltre a numerose munizioni di vario calibro. Nell’abitazione, inoltre, sono stati ritrovati un centinaio di capi d’abbigliamento che è stato accertato essere provento di un furto perpetrato lo scorso mese di agosto, in danno di un’attività commerciale di Acireale. Espletate le formalità di rito Muscia è stato rinchiuso al carecere di Piazza Lanza.
    muscia-francesco-catania-10-06-1984 muscia-arma
  • Personale del Commissariato “Centrale” ha denunciato in stato di libertà, M.S. per furto aggravato ai danni della “Rinascente” e false dichiarazioni sulla identità personale. Lo scorso 5 novembre gli addetti alla sorveglianza hanno sorpreso una donna che, dopo aver staccato la placca antitaccheggio, aveva rubato una confezione di profumo marca “Chloe”, del valore di 98 euro. Agli operatori di Polizia intervenuti, la donna ha dato false generalità, come successivamente accertato da personale dagli stessi poliziotti. La merce rubata è stata restituita al personale di vigilanza.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA