#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 7 ottobre MATTINA

carabinieri-e-polizia
7 ott 2016 - 13:45

CATANIA - Polizia e carabinieri: ecco le operazioni più importanti della mattina.

  • I Carabinieri della Stazione di Riposto, collaborati dai colleghi di Catania Fontanarossa, hanno arrestato il 21enne, ripostese, Alfio Di Bella, in esecuzione di un provvedimento cautelare emesso dal G.I.P. del Tribunale di Catania. Il giovane pregiudicato, grazie alle indagini dei carabinieri, è ritenuto responsabile di furto aggravato, reato commesso il 19 giugno scorso nell’abitazione di un cittadino di Riposto. Il quadro probatorio raffigurato dagli investigatori è stato condiviso dal giudice che, su proposta del magistrato inquirente, ne ha ordinato l’arresto permettendo ieri pomeriggio ai militari di arrestare il reo nel momento in cui, all’Aeroporto Internazionale “Vincenzo Bellini” di Catania, stava per imbarcarsi su di un volo diretto nella capitale britannica. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato relegato agli arresti domiciliari. 
alfio-di-bella

Alfio Di Bella, 21 anni

  • I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Catania hanno arrestato il 38enne, catanese, Carmelo Sessa, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Udine. L’uomo, già detenuto ai domiciliari, è stato condannato dai giudici ad una pena equivalente ad anni 4 e mesi 9 di reclusione quale autore di una rapina aggravata in concorso commessa nel febbraio del 2004 a Tolmezzo, in provincia di Udine. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza. 
carmelo-sessa

Carmelo Sessa, 38 anni

  • I Carabinieri della Stazione di Bronte hanno arrestato il 53enne Sebastiano Russo, del luogo, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Catania.L’uomo, già sorvegliato speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno, è stato condannato dai giudici ad una pena di anni 1, mesi 7 e giorni 22 di reclusione per associazione a delinquere di stampo mafioso, reato commesso a Bronte e comuni limitrofi tra il febbraio 2007 ed il maggio del 2008. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato associato al carcere di Catania Bicocca.
sebastiano-russo

Sebastiano Russo, 53 anni

  • Ieri alle ore 20,30 circa, nella Piazza Sant’Agostino di Adrano, nel quadro di mirati servizi antidroga, espletati in particolar modo nelle ore serali e notturne, predisposti dal personale del Commissariato di Adrano, sono stati individuati due giovani che stavano spacciando 2 dosi di marijuana. I predetti, alla vista degli operatori hanno cercato la fuga per le vie del centro tentando di investirli, ma sono stati inseguiti e fermati. I giovani adraniti sono stati identificati per Antonio L,ongo, 18 anni, e Gaetano Vezzi, 19 anni. A seguito di perquisizione sono state ritrovate altre 9 dosi di marijuana addosso al 18enne. I due giovani, pertanto, sono stati arrestati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti nonché per resistenza a Pubblico Ufficiale. Dopo le formalità di rito, su disposizione del P.M. di turno sono stati posti agli arresti domiciliari. 
vezzi-longo

Antonio Longo, 18 anni – Gaetano Vezzi, 19 anni

  • Nell’ambito dei controlli straordinari del territorio disposti dal Questore di Catania, nel pomeriggio di ieri, nei comprensori dei comuni di Adrano e di Biancavilla sono stati messi in atto diversi posti di controllo fissi e mobili, ad opera del Commissariato di Polizia, con l’utilizzo di 3 pattuglie del Commissariato di P.S. di Adrano e da una unità cinofila, finalizzati al controllo del territorio, al fine di contrastare efficacemente i reati contro il patrimonio, gli illeciti al C.d.S., nonché i delitti in materia di armi e stupefacenti. Nel corso di detto servizio sono state identificate 67 persone, ispezionati 28 veicoli, accertate ed elevate alcune infrazioni al C.d.S., nonché effettuate 12 perquisizioni personali e 4 veicolari. Particolare attenzione è stata data al centro storico, alla villa comunale di Adrano e alla Piazza Don Bosco di Biancavilla.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA