#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 4 marzo MATTINA

Mattinale 4 marzo
4 mar 2017 - 13:35

CATANIA - Ecco le operazione condotte da polizia e carabinieri a Catania e provincia: 

  • Nella giornata di ieri la polizia di Catania ha effettuato controlli straordinari antidroga nel quartiere Picanello, in piazza Leonardo Sciascia, nei pressi del porticciolo “Rossi”. Gli agenti hanno notato una macchina parcheggiata con all’interno tre giovani che hanno destato sospetto. Dopo un’attività di osservazione, i poliziotti sono intervenuti al momento in cui uno di detti giovani cedeva marijuana a un acquirente, riscuotendo in cambio del denaro. All’interno della citata autovettura, gli agenti hanno accertato anche la presenza di una minore. Così hanno provveduto alla perquisizione dell’autovettura durante la quale è stata ritrovata una scatolina con all’interno altra marijuana. La stessa sostanza è stata ritrovata anche all’interno del cruscotto e dentro una scarpa di uno degli occupanti della vettura. Lo spacciatore è stato indagato in stato di libertà, con l’aggravante di aver commesso il fatto in presenza di una minore. L’altro uomo è stato segnalato per uso personale e per questo motivo gli è stata ritirata la patente. La minore è stata accompagnata presso gli uffici di polizia del Commissariato e successivamente affidata alla madre. Nella stessa circostanza e negli stessi luoghi, l’attenzione degli agenti è stata posta su 3 giovani seduti su un muretto. Così sono intervenuti mentre i giovani stavano facendo uso di marijuana: gli assuntori, due minori ed un maggiorenne, essendo privi di documenti di riconoscimento, sono stati accompagnati al commissariato per l’identificazione: tutti sono stati segnalati alla prefettura e, solo i minori, affidati ai genitori. Infine è stato effettuato un ulteriore sequestro, stavolta a carico d’ignoti, di una bustina di marijuana, abbandonata da una vettura allontanatasi alla vista degli agenti.

  • Lo scorso 18 febbraio, allo stadio Angelo Massimino, in occasione della partita Catania-Taranto, un gruppo di una ventina di ultras etnei non ha fatto accesso all’interno dell’impianto sportivo e ha deciso di rimanere nello spiazzale antistante la tribuna B. Così sono stati prontamente controllati dagli agenti di polizia li impiegato in servizio di ordine pubblico e, nel corso delle identificazioni, ha individuato due soggetti, H.A., di 20 anni, e S.L., di 19 anni, entrambi sottoposti al provvedimento del D.A.S.P.O. Questi provvedimenti, oltre a vietare l’ingresso presso tutti gli stadi e gli impianti sportivi d’Italia, impediscono di sostare in tutte le arterie limitrofe agli impianti sportivi. H.A. e S.L. sono stati quindi denunciati all’autorità giudiziaria per la violazione del reato e sottoposti a un aggravamento del provvedimento per una durata complessiva rispettiva di 8 e 7 anni con obbligo di comparsa presso gli uffici di polizia competenti.

  • Nella giornata di ieri, durante un’attività di verifica documentale effettuata dal personale della polizia di Frontiera in servizio all’aeroporto di Catania, nei confronti dei passeggeri di un volo in arrivo da Bucarest, è stato arrestato il cittadino rumeno pluripregiudicato George Marin, 34 anni. L’uomo era destinatario di un’ordinanza applicativa di misura cautelare, emessa dal G.I.P presso il Tribunale di Enna per il reato di sfruttamento della prostituzione. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di piazza Lanza.
    MARIN GEORGE 000182_20170303_155513[1]-2

  • La polizia di Catania ha arrestato Alessio Corsaro, 24 anni, pregiudicato, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso lo scorso 20 gennaio dalla procura generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania. Dovrà scontare la pena di un anno, 11 mesi e 10 giorni di reclusione per i reati di rapina aggravata e furto con strappo.
    CORSARO ALessio classe 1993
  • La polizia di Catania ha arrestato Salvatore Rapisarda, 31 anni, pregiudicato, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso lo scorso 1 marzo dalla procura generale della Repubblica. Dovrà scontare la pena di 3 anni, 7 mesi e 28 giorni di reclusione per reati in materia di stupefacenti.
  • La polizia di Catania ha arrestato Vincenzo Pantellaro, 36 anni, pregiudicato, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 01.3.2017 dalla Procura Generale della Repubblica. Dovrà scontare la pena di due anni, due mesi e 23 giorni di reclusione per reati in materia di stupefacenti.
    PANTELLARO Vincenzo classe 1981
  • Ieri pomeriggio la polizia di Catania Filippo Beninato, 27 anni, nell’esecuzione della custodia cautelare in carcere. In particolare, l’aggravamento di pena è scaturito dal fatto che l’uomo lo scorso 23 febbraio fu arrestato dagli agenti per il reato di evasione dagli arresti domiciliari. Una volta ultimati gli adempimenti di rito presso gli uffici della locale questura, il predetto è stato rinchiuso nel carcere di Catania in piazza Lanza.

  • Ieri sera la polizia di Catania ha arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente un cittadino gambiano, Alieu Nyang, 20 anni, senza fissa dimora. Durante un servizio antidroga nel rione San Berillo, gli agenti hanno notato un gruppo di soggetti di nazionalità africana, che parlavano tra di loro, focalizzando l’attenzione su uno di essi, che ero andato a prelevare qualcosa dall’intercapedine di un muro. Così gli operatori sono intervenuti e hanno bloccato il soggetto. Dopo la perquisizione personale son ostate ritrovate 5 barrette di hashish e 4 barrette di marijuana. Nell’intercapedine del muro sono state ritrovate ulteriori 16 barrette di hashish. Alla luce di ciò, è stato informato il p.m. di turno, che ha disposto di trattenere l’arrestato presso le camere di sicurezza della questura in attesa del giudizio per direttissima.

  • Ieri sera la polizia di Catania ha arrestato per il reato di furto aggravato due cittadini gambiani, Ibrahima Bone, 33 anni, e Hamadi Danso, 27 anni, entrambi senza fissa dimora. I due soggetti sono entrati all’interno del ristorante “Etnarosso” e hanno asportato una borsa, poi recuperata dal legittimo proprietario, e successivamente hanno aperto alcune auto in sosta, asportando da esse gli oggetti, poi ritrovati all’interno di un sacco in uso ai malviventi. A seguito di ciò, è stato informato il p.m. di turno, che ha disposto di trattenere i due arrestati presso le camere di sicurezza della questura, in attesa del giudizio per direttissima.

  • I carabinieri di Catania hanno arrestato in flagranza di reato Giovanni Angelo Cardì, 24 anni, catanese, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Stanotte i militari, durante un servizio antidroga nel popolare quartiere Librino, hanno notato il giovane in viale San Teodoro cedere delle bustine a dei “clienti”. Prontamente bloccato e perquisito, l’uomo è stato trovato in possesso di 33 dosi di marijuana, per un peso complessivo di 56 grammi e la somma in denaro di 50 euro, provento dell’attività spaccio. Lo stupefacente e il denaro sono stati sequestrati, mentre l’uomo è stato posto ai domiciliari, in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.

    CARDI' Giovanni Angelo, Catania 2.10.1993

  • I carabinieri di Catania hanno arrestato per evasione Mario Narduzzi , 37 anni, catanese. Ieri mattina i militari, durante un servizio di controllo del territorio, hanno riconosciuto e bloccato l’uomo mentre si trovava a piedi in via Grasso Finocchiaro, senza giustificato motivo, violando così i vincoli restrittivi a cui era sottoposto. L’arrestato, posto nuovamente ai domiciliari, è in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.

    NARDUZZI Mario, Catania 26.9.1979

  • I carabinieri di Catania hanno arrestato Gaetano Cannavò, 21 anni, su ordinanza di aggravamento della misura cautelare emessa dal tribunale di Catania. Il giovane, già sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, dopo aver commesso un furto aggravato, diverse volte non ha rispettato il vincolo. I militari hanno accertato e segnalato tutte le inadempienze all’autorità giudiziaria che ha emesso il provvedimento restrittivo nei confronti del giovane che, una volta espletate le formalità di rito, è stato posto ai domiciliari.

  • I carabinieri di Pedara hanno arrestato Andrea Alfredo Massimiliano Scuto, 46 anni, del luogo, su ordine di carcerazione emesso dalla procura della Repubblica del Tribunale di Catania. L’uomo dovrà scontare la pena di 2 anni, 2 mesi e 11 giorni in quanto colpevole di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di piazza Lanza come disposto dall’autorità giudiziaria.

    scuto andrea massimiliano cl.70

  • I carabinieri di Motta Sant’Anastasia hanno arrestato in flagranza di reato un 22enne, del luogo, per detenzione ai fini di spaccio a di sostanze stupefacenti. Ieri pomeriggio, i militari, durante un servizio di controllo del territorio, hanno notato un giovane nel centro cittadino con atteggiamento guardingo che li ha insospettiti. Una volta bloccato e perquisito, lo hanno trovato in possesso di 6 dosi di marijuana, una busta contenente 30 grammi dello stesso stupefacente, un bilancino elettronico di precisione e la somma contante di 20 euro, ritenuti provento dell’attività di spaccio, che sono stati sequestrati. L’arrestato è stato trattenuto in una camera di sicurezza dell’arma in attesa di essere giudicato con rito direttissimo, come disposto dall’autorità giudiziaria.

  • I carabinieri di Militello in Val di Catania hanno arrestato in flagranza di reato, Maurizio Rovetto, 39 anni, del luogo, per detenzione di arma clandestina e detenzione abusiva di munizioni. Ieri pomeriggio, i militari, dopo aver concluso l’attività investigativa, hanno proceduto alla perquisizione domiciliare ritrovando e sequestrando un fucile semiautomatico cal.12 marca “Franchi” con matricola abrasa e 48 cartucce dello stesso calibro, illegalmente detenuti e che sono stati sequestrati. L’arrestato, una volta espletate le formalità di rito, è stato posto ai domiciliari, come disposto dall’autorità giudiziaria.

    Rovetto Maurizio

     

     

     

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA