#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 3 maggio MATTINA

Mattinale 3 maggio
3 mag 2017 - 13:27

CATANIA - Ecco le operazioni condotte da polizia e carabinieri a Catania e provincia:

  • La polizia di Catania ha arrestato Ezzedine Zairi, 32 anni, tunisino, richiedente protezione internazionale e destinatario di un ordine di carcerazione alla pena della reclusione per un anno, un mese e sette giorni. Motivo di ciò la condanna, avvenuta il 20 novembre 2015 dal Tribunale di Catania per tentata estorsione commessa il 7 ottobre 2015. Nell’occasione l’uomo, mentre era intento a svolgere l’attività di parcheggiatore abusivo in piazza Lupo, si avvicinò a tre giovani donne appena scese dalla propria auto e le minacciò per il pagamento della sosta. Lo straniero, al termine delle formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania in piazza Lanza.
    zairi

  • Ieri la polizia di Catania ha arrestato in tre distinte operazioni Santo Gioacchino Santamaria, 52 anni, Ivano Salvatore Tedeschi Marino, 31 anni e Carlo Fichera, 67 anni, (da sx a dx nelle foto sotto) tutti responsabili del reato di evasione. I tre uomini sono stati sorpresi, in luoghi e orari diversi, al di fuori delle proprie abitazioni. Così gli agenti li hanno bloccati e accompagnati in questura per la stesura degli atti di rito. In tutti e tre i casi il p.m. di turno, ha disposto il ripristino degli arresti domiciliari.
    SANTAMARIA Santo Gioacchino nato a Catania il 26.12.1965  TEDESCHI MARINO Ivano Salvatore nato a Catania il 30.01.1986 FICHERA Carlo nato a Catania il 21.08.1950

  • Questa notte la polizia di Catania ha arrestato, per il reato di furto aggravato, il pregiudicato nigeriano James Mike, 42 anni, senza fissa dimora. Dopo una segnalazione di furto di un telefonino giunta sul 113, gli agenti hanno contattato la giovane donna vittima che ha riferito che poco prima un cittadino extracomunitario le aveva rubato il cellulare. La ragazza lo ha individuato e inseguito insieme all’amico, telefonando contemporaneamente al 113. Così gli operatori hanno bloccato il soggetto indicato dalla donna e lo hanno perquisito, ritrovandogli addosso il cellulare della vittima. Una volta arrivato in questura per lui il pm di turno ha disposto che venisse trattenuto presso le camere di sicurezza, in attesa della celebrazione del giudizio direttissimo.

    MIKE James nato a Niger il 19.12.1975

  • Sempre questa notte la polizia di Catania ha arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente un cittadino gambiano senza fissa dimora, Ibrahima Bona, 23 anni, pregiudicato e sottoposto in atto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Dopo la segnalazione di un furto, gli agenti sono giunti in piazza Vincenzo Bellini dove hanno contattato la vittima che ha riferito di essere stata derubata da un individuo extracomunitario, che sostava ancora in piazza in compagnia di altri extracomunitari. Alla vista dei poliziotti il gruppetto ha tentato di dileguarsi, ma il soggetto indicato dalla vittima è stato subito bloccato e sottoposto a perquisizione personale. Ma addosso a lui, piuttosto che la refurtiva, gli sono stati trovati due involucri contenenti marijuana, cinque compresse di un farmaco contenente Clonazepam e hashish. Così è stato arrestato e, su disposizione del p.m. di turno, trattenuto presso le camere di sicurezza della questura, in attesa dell’udienza di convalida.

    BONA Ibrahima nato in Gambia il 02.02.1994

  • Ieri sera, durante dei controlli effettuati in via Capo Passero, dove di solito si svolge una fiorente attività di spaccio, la polizia di Catania ha notato due individui abbigliati di scuro che alla vista della volante sono fuggiti rifugiandosi all’interno di un portone. Insospettiti dal loro atteggiamento, gli agenti hanno deciso di controllare citofonando a vari condomini per farsi aprire il portone che era stato assicurato da un fermo in ferro. Una volta entrati, si sono accorti che dei due sospetti non c’era più traccia. Ma non si sono arresi e hanno proceduto a un’attenta ispezione piano per piano. Una volta giunti all’ultimo, hanno aperto una botola di metallo installata su un’intercapedine del soffitto, vi si sono arrampicati e hanno ritrovato un tubo di plastica arancione chiuso su entrambi i lati e un fodero verde che custodiva alcune armi. Tutto ciò è stato prelevato e portato in Questura dove sono stati sequestrati un fucile automatico a canne mozze calibro 12 marca Benelli munito di tre cartucce calibro 12 a pallettoni e una pistola calibro 22 marca Bernardelli modello 60 munita di tre cartucce calibro 22. In seguito tutto ciò è stato posto a disposizione dell’autorità giudiziaria.

    foto armi capo passero

     foto armi capo passero2

  • Nella giornata di ieri la polizia di Catania ha effettuato un servizio di controllo del territorio al fine di contrastare efficacemente i reati contro il patrimonio, gli illeciti al codice della strada e i delitti in materia di armi e stupefacenti. L’operazione ha previsto posti di controllo, fissi e mobili, pattugliamento dei quartieri a rischio, perquisizioni locali, personali e veicolari. Nel corso del servizio sono state identificate 30 persone, controllati 12 veicoli, effettuati 2 posti di controllo fissi, elevati 38 verbali al codice della strada, per un totale di 26.895 euro. Sono stati effettuati 10 fermi amministrativi per guida senza casco, ritirate 8 carte di circolazione, sequestrati amministrativamente 8 veicoli, accompagnate 2 persone per identificazione ed eseguite 2 perquisizioni personali.

  • I carabinieri di Catania hanno arrestato in flagranza di reato Gianluca Alberio, 24 anni, catanese, in quanto responsabile di evasione. In servizio nella zona del Villaggio Sant’Agata i militari lo hanno riconosciuto e fermato mentre percorreva a piedi le strade del quartiere. L’uomo, una volta assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania in piazza Lanza.

    ALBERIO Gianluca

  • I carabinieri di Catania hanno arrestato Antonino Rubino, 42 anni, nell’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del tribunale di Catania. Il 14 aprile scorso era stato arrestato dai militari del Nucleo Operativo mentre, insieme a un altro complice, spacciava marijuana e cocaina al Villaggio Sant’Agata. Finito ai domiciliari, dopo l’udienza di convalida, è stato oggetto di un’informativa dell’arma che ne ha richiesto la misura cautelare in carcere, motivata dal ripetersi dei reati in materia di stupefacenti, che ha convinto il giudice a ordinarne l’arresto e la reclusione nel carcere di Catania in piazza Lanza.
    Antonino RUBINO

  • I carabinieri di Pedara hanno arrestato in flagranza di reato Filippo Nicosia, 43 anni, del posto, in quanto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. I militari, osservando discretamente numerose persone passare dell’abitazione dell’uomo, già agli arresti domiciliari per analogo reato, ieri sera sono entrati perquisendola e ritrovando una busta contenente 20 grammi di marijuana, già suddivisa in dosi pronte alla vendita. La droga è stata sequestrata mentre l’uomo, in attesa della direttissima, è rimasto ai domiciliari.
    NICOSIA Filippo

  • I carabinieri di Misterbianco hanno arrestato Antonino Catania, 64 anni, del posto, nell’esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal tribunale di Catania. Già arrestato dai carabinieri di Mascalucia il 9 dicembre dello scorso anno per reati in materia di stupefacenti è stato giudicato e condannato dai giudici etnei a 3 anni, 6 mesi e 20 giorni di reclusione da scontare nel carcere di Catania in piazza Lanza dove i militari, una volta assolte le formalità di rito, lo hanno rinchiuso.
    Antonino CATANIA

  • Nei giorni scorsi i carabinieri di Aci Castello hanno arrestato in flagranza di reato Gaetano Felice, 48 anni, in quanto responsabile di furto aggravato. Il ladro è stato bloccato di notte dai militari in via Cristoforo Colombo ad Aci Castello mentre sfrecciava a bordo di una  Suzuki SX4, rubata poco prima a una giovane donna del luogo. L’autovettura è stata restituita alla proprietaria mentre l’uomo, giudicato per direttissima, è stato rinchiuso nel carcere di Catania in piazza Lanza.
    FELICE Gaetano, Catania 5.11.1968

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA