#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 28 novembre POMERIGGIO

Succede a Catania
28 nov 2016 - 17:41

CATANIA - Carabinieri: ecco le operazioni più importanti del pomeriggio.

  • I Carabinieri di Misterbianco hanno arrestato nella flagranza del reato un 22enne catanese, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari, durante un servizio finalizzato a contrastare il fenomeno dello spaccio, hanno notato il giovane in via Capo Passero cedere delle bustine ad occasionali acquirenti. Prontamente bloccato e perquisito, il pusher è stato trovato in possesso di 100 grammi di marijuana, già suddivisa in dosi, che sono stati sequestrati. L’arrestato è stato posto ai domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.
  • I Carabinieri di Nesima hanno arrestato il 63enne Bernardo Lopis, di Catania, su ordine di carcerazione emesso dal Tribunale etneo. L’uomo, ritenuto responsabile di un furto aggravato commesso a Ramacca il 20 dicembre 2010, dovrà espiare la pena di 7 mesi di reclusione. L’arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato ristretto ai domiciliari.
Bernardo Lopis (63)

Bernardo Lopis (63)

  • I Carabinieri di Aci Sant’Antonio hanno arrestato un 50enne di Acireale per atti persecutori. Una pattuglia, su richiesta di una 40enne di Aci Catena, è intervenuta in via Aldo Moro sorprendendo l’uomo mentre bloccava la vittima, una sua ex compagna, all’interno della propria autovettura impedendole di proseguire la marcia. I militari, nella circostanza, hanno accertato che il 50enne da circa un mese, nel tentativo di riconciliarsi con la donna, si era reso responsabile di atti persecutori, seguendo la vittima e minacciandola anche sul posto di lavoro. L’arrestato è stato posto agli arresti domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.
  • Caso simile a Riposto, dove i Carabinieri del luogo hanno arrestato un 34enne, anche lui di Riposto, su ordinanza di aggravamento della misura cautelare emessa dal Tribunale di Catania, per atti persecutori e danneggiamento. L’uomo, noncurante del divieto imposto dall’Autorità Giudiziaria a non avvicinarsi all’ex convivente e ai luoghi da lei frequentati ha, in più circostanze, continuato a seguire e minacciare la vittima. Il GIP, accertata la gravità della situazione, ha emesso la presente ordinanza aggravando la misura restrittiva nei confronti dell’uomo disponendone così gli arresti domiciliari.
  • I Carabinieri di Caltagirone hanno arrestato un 17enne, originario del Gambia, domiciliato nel C.P.A. di via Balatazze, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Durante un servizio di controllo del territorio, una pattuglia stava transitando per via Peppino Alì quando ha notato il giovane dirigersi con fare sospetto all’interno del giardino pubblico ivi ubicato. I Carabinieri, a quel punto, sono intervenuti per un controllo durante il quale il 17enne è stato trovato in possesso di un marsupio contenente 95 dosi di hashish, per un peso complessivo di 45 grammi e la somma contante di 103 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio. Nella circostanza, gli operanti hanno anche segnalato alla Prefettura un giovane calatino in base all’ex art. 75 D.P.R. 309/90. La droga ed il denaro sono stati sequestrati, mentre l’arrestato è stato accompagnato al Centro di Prima Accoglienza di Catania in via Franchetti ed è stato messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria Minorile.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA