#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 27 giugno MATTINA

Succede a Catania 27 giugno
27 giu 2017 - 13:30

CATANIA - Ecco le operazioni condotte da carabinieri e polizia a Catania e provincia:

  • I carabinieri della stazione di Catania Nesima hanno arrestato il 35enne catanese Piero D’Agata, in esecuzione di un ordine per l’espiazione di pena detentiva emesso dal Tribunale di Catania. L’uomo, ritenuto colpevole dai giudici di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, reato commesso tra Catania e Siracusa nel 2014, è stato condannato a una pena di 6 anni, 11 mesi e 21 giorni di reclusione che dovrà scontare agli arresti domiciliari;
Piero D'Agata, anni

Piero D’Agata, 35 anni

  • Nel primo semestre 2017 il commissariato di polizia di Nesima ha effettuato mirati controlli delle armi nei quartieri di Nesima, San Giovanni Galermo e Monte Po’, per verificare il possesso dei requisiti per la regolare detenzione delle armi e per verificare eventuali detenzioni illegali di armi. Nel corso dei controlli, sono state denunciate 29 persone tra le quali 16 per omessa ripetizione della denuncia di detenzione a seguito di trasferimento dell’arma, 7 per omessa vigilanza e mancata adozione delle misure cautelari sulla custodia delle armi, 2 per esplosioni pericolose e 3 per detenzione illegale di armi comuni da sparo. Durante l’attività ispettiva sono state sequestrate 10 armi comuni da sparo, detenute abusivamente: una di queste è stata confiscata a seguito dell’emissione di un divieto di detenzione armi. Sono state ritirate 86 armi e 1.889 cartucce per la conseguente rottamazione e sono stati proposti alla prefettura 29 divieti di detenzione armi;
  • Personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico – Squadra Volanti – ha denunciato in stato di libertà B. G., 30 anni, per guida in stato d’ebbrezza. L’uomo è stato fermato in viale Martiri della Libertà e sottoposto a controllo perché sorpreso alla guida della propria auto in contromano e in palese stato di ebbrezza. 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA