#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 26 gennaio MATTINA

Mattinale 26 gennaio
26 gen 2017 - 13:45

CATANIA - Polizia e carabinieri: ecco i fatti di cronaca di questa mattina a Catania e provincia:

  • Ieri la polizia di Catania, in collaborazione con la polizia provinciale ha effettuato un mirato controllo amministrativo a un servizio di autodemolizione della frazione di Poggio del Lupo, nel territorio del comune di Misterbianco, e ha accertato che la titolare aveva attivato un esercizio di autodemolizione ed officina meccanica senza la prescritta autorizzazione, creando così una discarica abusiva di rifiuti speciali pericolosi e una gestione illecita di rifiuti. Così la titolare è stata deferita all’autorità giudiziaria e l’area è stata sottoposta a sequestro preventivo.

  • La polizia ha effettuato un accurato controllo del territorio nel quartiere di Nesima per contrastare efficacemente i reati contro il patrimonio, gli illeciti al codice della strada e i delitti in materia di armi e stupefacenti, effettuando posti di controllo fissi e mobili, pattugliamento dei quartieri a rischio e controllo esercizi pubblici. Il servizio ha consentito di identificare e controllare 31 persone, 5 veicoli, 5 detenuti ai domiciliari e 2 esercizi pubblici

  • Ieri la polizia ha arrestato il catanese Simone Di Mauro, 19 anni, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Nello specifico, nella serata di ieri alle 22.15, in via Capo Passero, durante un servizio antidroga, gli agenti hanno arrestato in flagranza di reato il giovane, notato in atteggiamento sospetto, che è stato così fermato dopo un breve inseguimento al quale è seguita un’accesa colluttazione. Nella circostanza il giovane ha tentato di disfarsi di 39 dosi di marijuana già confezionate e pronte allo spaccio. Dopo le formalità di rito, Di Mauro è stato posto agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

  • Questa mattina la polizia di Catania ha arrestato Jose Aleandro Lauro Schlup, cittadino svizzero residente a Cosenza con numerosi precedenti per gravi reati. Gli agenti hanno notato l’uomo che stava girando nel perimetro esterno della Caserma con fare sospetto: dopo averne seguito le mosse attraverso i monitor di sorveglianza, hanno deciso d’intervenire con l’ausilio di altro personale. Dagli accertamenti immediatamente esperiti, è emerso che l’uomo è attualmente sottoposto agli arresti domiciliari. All’uomo è stato, quindi, contestato il reato di evasione dagli arresti domiciliari ed è stato così rinchiuso nelle camere di sicurezza della questura.

  • Ieri pomeriggio, la polizia ha arrestato l’incensurato catanese Salvatore Gaetano Venuto, 22 anni, per detenzione ai fini spaccio di sostanza stupefacente. Precisamente alle ore 21.50 circa, durante un servizio anticrimine nel popoloso quartiere di San Cristoforo, gli agenti hanno notato, in via De Lorenzo, un individuo appiedato consegnare un involucro di carta stagnola a due giovani a bordo di uno scooter. Così sono intervenuti bloccando l’autore del reato e, a seguito della perquisizione personale è stata ritrovata, all’interno di una tasca dei pantaloni del giovane, una “stecca” di marijuana pronta alla vendita e un altro involucro in carta d’alluminio contenente altri 14 grammi della stessa sostanza. Alla luce di ciò,  Venuto è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima.
    venuto salvatore    foto sequestro per arresto VENUTO

  • I carabinieri di Catania hanno arrestato Antonino Raimondo, 43 anni, catanese, nell’esecuzione di un’ordine di carcerazione emesso dalla corte d’Appello di Catania. Rintracciato in Via Capo Passero dovrà scontare una pena di 4 anni, 10 mesi e 26 giorni di reclusione per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, reato commesso nel biennio 2006-2007 a Catania. L’arrestato, una volta assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania a piazza Lanza.
    RAIMONDO ANTONINO 15081973

  • I carabinieri di Catania hanno arrestato in flagranza Salvatore Buscema, 47 anni, già sottoposto all’affidamento in prova ai servizi sociali, e il nipote di 21 anni, in quanto responsabili di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Ieri sera, concludendo una breve ma proficua attività info-investigativa a Tremestieri Etneo e Pedara i militari hanno fatto irruzione nelle abitazioni dei due congiunti dove, dopo perquisizione, sono stati ritrovati e sequestrati complessivamente un chilogrammo circa di marijuana, per un valore al dettaglio di circa 10.000 euro, 850 euro in contanti, tutti in banconote di piccolo taglio, 5 bilance di cui 3 di precisione e vario materiale utilizzato per confezionare la drogaAssolte le formalità di rito Buscema è stato rinchiuso nel carcere di Catania a piazza Lanza mentre il nipote è stato relegato agli arresti domiciliari.
    BUSCEMA_SALVATORE_15111969_3452_ITALIA   IMG-20170126-WA0000

  • Innamorato ancora di una donna non ha sopportato che la stessa, dopo la fine della loro relazione, si sia fidanzata con un altro uomo, più giovane di lui di una decina d’anni. Così, armato di una bottiglia piena di benzina, è andato sotto casa del rivale e ha dato fuoco alla sua auto, una Volkswagnen Eos, scappando via. Il fatto è accaduto a Santa Maria di Licodia dove i carabinieri della locale stazione, acquisendo la denuncia da parte della vittima, hanno ricostruito l’accaduto e attraverso le immagini registrate dalle telecamere di sicurezza attive in zona sono riusciti ad individuare l’uomo nel momento dell’acquisto della benzina in un distributore di carburante a pochi passi dell’abitazione della vittima. L’uomo, 34 anni incensurato del luogo, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per danneggiamento seguito da incendio.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento