#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 26 agosto MATTINA

polizia-e-carabinieri-generica-02
26 ago 2016 - 13:43

CATANIA – Carabinieri e polizia: ecco i fatti di cronaca più importanti della mattina. 

  • I carabinieri della Compagnia di Catania di Piazza Dante hanno arrestato Aurelio Barbagallo, cinquantaquattrenne ctanese, per detenzione di arma clandestina, di armi comuni da sparo e munizionamento e ricettazione. Ieri sera, i militari, a conclusione di un’articolata attività investigativa, hanno proceduto ad una perquisizione a casa dell’uomo nel popolare quartiere Picanello rinvenendo e sequestrando 2 pistole Beretta cal. 7,65 con matricole abrase, complete di relativi serbatoi, 1 pistola mitragliatrice Skorpion Browning modello “VZ.61″ cal. 7,65, corredata di 3 serbatoi, 260 cartucce cal. 9×21, 40 cartucce cal. 38 special, 47 cartucce cal. 7,65, 7 cartucce cal. 22, 2 serbatoi per pistola cal. 9×21, 1 ricetrasmittente scanner, e vario materiale ed utensileria utilizzata per la pulizia e manutenzione delle armi, nascoste accuratamente all’interno di un’intercapedine ricavata nella muratura dell’abitazione. Le armi sequestrate, perfettamente funzionati e tenute in ottimo stato d’uso, saranno inviate al Reparto Investigazioni Scientifiche di Messina per gli accertamenti tecnico balistici del caso e per stabilire se le stesse siano state utilizzate in eventuali azioni criminose. L’arrestato è stato poratto al carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.                        

        Aurelio BarbagalloArmi

  • I carabinieri della Stazione di San Giovanni la Punta hanno arrestato un trentanovenne di Catania per furto con  strappo. Ieri mattina tardi, l’uomo è entrato come cliente in una gioielleria nel centro commerciale “I Portali” e mentre si faceva mostrare da un’impiegata alcune collane d’oro ha improvvisamente strappato dalle mani della donna un panno con all’interno 15 collane per un valore di 10.000 euro, riuscendo subito a fuggire a piedi e fare perdere momentaneamente le sue tracce. Una pattuglia dei carabinieri, che si trovava in zona, su segnalazione della stessa vittima, è immediatamente intervenuta sul posto, acquisendo ogni informazione ed elemento utile per identificare e rintracciare il ladro. Infatti a seguito delle ricerche ed ininterrotta attività investigativa, i militari hanno rintracciato l’uomo in un suo domicilio a Mascalucia e lo hanno arrestato.

  • I carabinieri di Caltagirone hanno arrestato un ventisettenne calatino per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Ieri sera, i militari, hanno  fermato e controllato il giovane mentre era alla guida di un’Audi A4 in via Sfere. I carabinieri, insospettiti da alcune bustine vuote trovate nell’auto e dall’atteggiamento irrequieto tenuto  dal giovane, hanno proceduto anche ad una perquisizione domiciliare nell’abitazione dell’uomo, rinvenendo e sequestrando, all’interno di una cassaforte collocata nella camera da letto, un panetto di hashish, del peso  di 44 grammi, ed un bilancino elettronico di precisione. L’arrestato è posto ai domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

 Panetto droga 

  • La squadra Tifoserie della D.I.G.O.S., a seguito di specifica attività investigativa ha denunciato all’Autorità Giudiziaria due ultras catanesi che, in occasione dell’incontro di calcio Catania-Akragas dello scorso 21 agosto, sugli spalti della curva nord hanno esposto, per diversi minuti, uno striscione di colore giallo con una scritta di colore nero, offensiva nei confronti della polizia. Sono stati arrestati un ventisettenne pregiudicato per reati commessi in ambito sportivo già sottoposto al Daspo e un ventiduenne pregiudicato per reati in materia di stupefacenti. Inoltre, il questore di Catania Marcello Cadorna, ha emesso per loro un provvedimento di divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive rispettivamente per otto anni e cinque anni con obbligo di comparizione presso gli uffici di Polizia. I due sono stati sanzionati per violazione del regolamento d’uso dell’impianto sportivo “A. Massimino”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA