#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 25 ottobre POMERIGGIO

carabinieri
25 ott 2016 - 17:16

CATANIA – Ecco i fatti di cronaca più importanti di questo martedì pomeriggio. 

I carabinieri della Stazione di Catania Nesima hanno arrestato il 33enne catanese Daniele Piro, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catania.

Grazie alle indagini svolte dai militari di Nesima, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Operativo della Compagnia di Fontanarossa, si è fatta luce su un furto commesso nell’agosto del 2015 in un appartamento di Via Stazzone, che fruttò circa 10 mila euro tra denaro contante, monili in oro ed elettrodomestici. Gli investigatori dell’Arma in sede di sopralluogo riuscirono ad evidenziare delle impronte papillari che, grazie ai riscontri dattiloscopici forniti dal R.I.S. di Messina, sono risultate appartenere al malvivente, già gravato da precedenti specifici. Tali prove hanno convinto il giudice ad emettere il provvedimento cautelare con conseguente restrizione del reo nel carcere di Catania Piazza Lanza.

piro-daniele-21-11-1983

I carabinieri della Tenenza di Misterbianco hanno arrestato, nella flagranza di reato, il 31enne Vincenzo Di Bella di Canicattì, reo di furto aggravato. 
Grazie alla collaborazione tra l’Arma territoriale e gli addetti alla sicurezza dell’ipermercato, il malvivente è stato bloccato mentre cercava di allontanarsi dal centro commerciale “Centro Sicilia” con un borsone colmo di prodotti elettronici precedentemente sottratti dagli stand del negozio “Bruno Euronics”. La merce, del valore di circa 800 euro, è stata restituita all’avente diritto mentre l’arrestato, in attesa del rito per direttissima, è stato trattenuto in camera di sicurezza.

di-bella-vincenzo-1-10-85

I carabinieri della Stazione di Biancavilla coadiuvati dai colleghi del Battaglione Sicilia hanno arrestato, nella flagranza del reato, il 19enne  Marco Pelleriti e denunciato un 17enne, entrambi del posto e già gravati da pregiudizi penali, poiché ritenuti responsabili di resistenza a pubblico ufficiale.

Nel corso di un servizio di controllo del territorio svolto a Biancavilla i militari hanno fermato una Fiat Punto con a bordo due persone. Il conducente, alla vista dei carabinieri, invece di arrestare la marcia ha accelerato fuggendo. Immediatamente inseguiti hanno imboccato diverse strade del centro storico fino a raggiungere Via Vittorio Emanuele, dove hanno abbandonato la vettura per tentare la fuga a piedi resa inutile dal tempestivo intervento dei militari che, dopo una breve colluttazione, sono riusciti a bloccarli. L’autovettura è stata sequestrata per mancanza di copertura assicurativa mentre l’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari.

 pelleriti-marco-3-9-97

I carabinieri della Stazione di Catania Plaja hanno arrestato il 23enne catanese  Cristian Tosto, in esecuzione di un provvedimento di aggravamento della misura detentiva emesso dal Tribunale di Catania poiché più volte sorpreso dai militari di pattuglia in violazione della misura detentiva degli arresti domiciliari a cui era sottoposto.

L’arrestato, quindi, è stato trasferito al carcere di Catania Piazza Lanza.

tosto-cristian-ct-25_08_1993

I carabinieri della Compagnia di Gravina di Catania hanno arrestato il 19enne Ivan Rizzo, di San Giovanni La Punta,  in esecuzione di un provvedimento di aggravamento della misura detentiva emesso dal Tribunale di Catania.

Arrestato il 28 luglio scorso per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti era stato sottoposto agli arresti domiciliari. Più volte “pizzicato” dai militari del Nucleo Radiomobile  in evidente violazione della misura detentiva cui era sottoposto è stato oggetto di una informativa inviata all’Autorità Giudiziaria che ha disposto il trasferimento del reo dai domiciliari al carcere di Catania Piazza Lanza.

rizzo-ivan-14-8-97

Una donna, in preda al panico, ha telefonato al 112 riferendo che il marito poco prima, a seguito di un litigio, si era allontanato dalla loro abitazione a Motta Sant’Anastasia a bordo della propria auto manifestando l’intenzione di suicidarsi. In particolare la donna riferiva che dopo alcuni minuti dall’allontanamento aveva ricevuto un sms con il quale il marito le diceva addio chiedendole di dare un ultimo bacio ai loro bambini, poiché da lì a breve si sarebbe ucciso. L’operatore del 112 si è immediatamente attivato per individuare il tragitto che l’auto stava percorrendo comunicando l’esito alle pattuglie del circuito cittadino ed alle centrali delle Compagnie limitrofe. Localizzata l’auto in via Monti Rossi a Nicolosi, una pattuglia della locale Stazione ha individuato l’uomo in evidente stato confusionale. Il 44enne è stato accompagnato negli uffici della Stazione di Nicolosi dove è stato tranquillizzato in attesa dell’arrivo dei familiari.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA