#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 24 marzo MATTINA

Mattinale 24 marzo
24 mar 2017 - 13:10

CATANIA - Ecco le operazioni condotte da polizia e carabinieri a Catania e provincia:

  • Nella mattinata di mercoledì, gli agenti del commissariato di polizia di Librino a Catania, durante un servizio antidroga hanno ritrovato e sequestrato 645 grammi di marijuana in viale Nitta 12. Nello specifico, mentre alcuni agenti hanno circoscritto l’edificio, osservando gli appartamenti, altri hanno ispezionato gli spazi comuni e i contatori. Così in tre distinti punti, ben nascosti tra intercapedini e controsoffitti hanno ritrovato 4 involucri della stessa sostanza, in parte già pronta in dosi per essere rivenduta che è stata sequestrata a carico di ignoti.

    librino

  • Ieri sera la polizia di Catania, durante un normale servizio di controllo del territorio, in una via del centro cittadino ha arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente Giorgio Alfredo Giuseppe Amata, 24 anni, incensurato. Precisamente alle ore 22 circa, mentre passavano per via Penninello gli agenti hanno notato un giovane che alla loro vista cercava di non farsi scorgere, confondendosi tra gli astanti. Insospettiti dal suo comportamento, gli agenti hanno deciso di bloccarlo e sottoporlo a perquisizione personale, che ha dato esito positivo. All’interno del giubbotto hanno ritrovato un sacchetto di tessuto contenente sette involucri con all’interno hashish e otto involucri con all’interno marijuana, mentre nella tasca dei pantaloni hanno ritrovato la somma di 160 euro in banconote di vario taglio, considerata provento dell’attività di spaccio. A seguito di ciò, hanno effettuato anche la perquisizione domiciliare, durante la quale il giovane ha consegnato spontaneamente un panetto di hashish dal peso di 65 grammi, un bilancino di precisione e un coltello usato per tagliare la sostanza. Dell’avvenuto arresto è stato informato il p.m. di turno che ha disposto per Amata gli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo, che sarà celebrato domani.

  • I carabinieri di Catania hanno arrestato Santo La Martina, 30 anni, catanese,  nell’esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dalla procura della Repubblica del tribunale di Pavia. L’uomo dovrà scontare la pena di 2 anni e 4 mesi di reclusione in quanto colpevole di rapina e ricettazione, reati commessi il 19 ottobre 2015 a Pieve del Cairo, in provincia di Pavia. L’uomo, una volta espletate le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania in piazza Lanza.

    LA MARTINA Santo, Catania 15.9.1986

  • I carabinieri di Pedara hanno arrestato in flagranza di reato un 46enne del posto, in quanto responsabile di detenzione illegale di armi clandestine. Ieri sera i militari, a conclusione di un’attività info investigativa, sono entrati in casa dell’uomo. Nel perquisire l’immobile, nascosta sotto i vestiti riposti nell’armadio della stanza da letto, sono state ritrovate una scatola con all’interno le seguenti armi e munizioni: una pistola Mauser, modello HSC cal. 7,65, una pistola FN, modello Browning’s cal. 6,35, non censita in banca dati, quattro pistole di manifattura antica prive di segni di identificazione e 142 cartucce di vario calibro. Le armi e le munizioni sono state sequestrate e nei prossimi giorni saranno oggetto, da parte degli specialisti del R.I.S. di Messina, di esami tecnico-balistici e matricolari per stabilirne provenienza ed eventuale utilizzo in eventi criminosi. L’arrestato, una volta assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania in piazza Lanza.
    armi

  • I carabinieri di Paternò hanno arrestato nella flagranza Samuele Cannavò, 20 anni, già ai domiciliari, per spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Era stato arrestato due giorni fa per riciclaggio in quanto trovato nel proprio garage ad assemblare motori rubati su altri motocicli. Sottoposto agli arresti domiciliari, nel tardo pomeriggio di ieri, ha ricevuto la visita dei carabinieri che, nello svolgere i controlli di routine dei soggetti sottoposti alla misura, giungendo nei pressi di casa sua si sono accorti del viavai di alcuni giovani assuntori di droga. Una volta entrati lo hanno perquisito ritrovando, nascosti in una intercapedine muraria, 50 grammi di marijuana, già suddivisa in dosi pronte per lo smercio e 60 euro in contanti incassati dalla precedente attività di spaccio. La droga e il denaro sono stati sequestrati mentre il giovane, in attesa di giudizio, è stato ricollocato ai domiciliari.
    CANNAVO' Samuele, Paternò 05-10-1997

  • I Carabinieri della Stazione di Belpasso hanno arrestato Sebastiano Simone Giliberto, 34 anni, del posto, nell’esecuzione di un provvedimento di inasprimento della misura detentiva cautelare emesso dalla corte di Appello di Catania. Grazie alle informative prodotte dai militari che hanno segnalato le numerose violazioni commesse dal soggetto rispetto agli obblighi imposti dalla detenzione domiciliare, i giudici ne hanno ordinato l’arresto e la reclusione nel carcere di Catania in piazza Lanza.

    GILIBERTO Sebastiano Simone, Catania 3.11.1982

  • I carabinieri di Belpasso hanno arrestato Caterina Di Giovanni, 48 anni, del posto, nell’esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal tribunale di Enna. La donna, condannata per furto aggravato, reato commesso a Centuripe il 19 agosto del 2014, dovrà scontare nel carcere di Catania in piazza Lanza una pena equivalente a 2 anni e 8 mesi di reclusione.
    DI GIOVANNI Caterina, Biancavilla 6.11.1968

  • I carabinieri di Palagonia hanno arrestato in flagranza di reato Salvatore Bisicchia, 44 anni, del luogo, per violenza privata, lesioni aggravate, danneggiamento e porto illegale di oggetti atti a offendere. Ieri mattina intorno alle 10,30, l’uomo, dopo un’accesa discussione, scaturita da una serie di dissidi riconducibili alla fine del fidanzamento tra il fratello dell’arrestato e la figlia di un altro uomo del posto, ha aggredito quest’ultimo con un martello colpendolo alle braccia e danneggiandogli anche la macchina. La vittima è stata trasportata e medicata all’ospedale di Caltagirone dove i sanitari gli hanno riscontrato delle lesioni all’avambraccio sinistro guaribili in 7 giorni. Il martello è stato rinvenuto nell’abitazione dell’uomo e sequestrato. L’arrestato, una volta espletate le formalità di rito,  è stato posto ai domiciliari, come disposto dall’autorità giudiziaria.
    BISICCHIA SALVATORE , CALTAGIRONE 17.04.1983

  • I carabinieri di Palagonia hanno arrestato in flagranza di reato Giuseppe Maggiore, 36 anni,un 20enne, entrambi di Militello Val Catania, per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, tentate lesioni aggravate e illecita detenzione e porto di munizioni in concorso. La scorsa notte, una gazzella, durante un servizio di controllo della circolazione stradale, svolto sulla SP 28/II, ha imposto l’alt a una Lancia Y con due individui a bordo. Il conducente giunto in prossimità dei militari ha prima rallentato la marcia per poi accelerare bruscamente tentando di investire uno dei due militari, che è riuscito a schivare l’impatto lanciandosi fuori dalla strada. Fortunatamente il militare si è ripreso e salito sull’auto di servizio col collega hanno immediatamente inseguito i due malviventi bloccandoli, dopo circa 6 km,  nel momento in cui i malviventi hanno sbattuto l’auto contro un muro di contenimento. Successivamente gli operanti sul mezzo hanno rinvenuto 2 cartucce cal.12, illegalmente detenute e un paio di guanti, che sono stati sequestrati. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati posti ai domiciliari.

    MAGGIORE Giuseppe, Nato a militello Val di Catania il 03.08.1981

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA