#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 2 febbraio MATTINA

Succede a Catania
2 feb 2017 - 14:05

CATANIA - Carabinieri e polizia: ecco i fatti di cronaca più importanti della mattina.

  • I carabinieri hanno arrestato in flagranza Antonino Carambia, 43enne di Catania, e Salvatore Leonardi, 56enne di Misterbianco, per tentato furto aggravato in concorso. Una gazzella, durante un servizio finalizzato a contrastare reati predatori in genere, ha sorpreso i due all’interno del parcheggio del centro commerciale “Ikea” mentre tentavano di rubare un furgone Fiat Iveco ed una Fiat 500 L, lasciati regolarmente parcheggiati da alcuni clienti. Nella circostanza i due malviventi avevano già forzato le portiere dei due mezzi. Gli arrestati sono stati rinchiusi nelle camere sicurezza dell’Arma in attesa di essere giudicati per direttissima.

CARAMBIA Antonino, Catania 13.7.1973 LEONARDI Salvatore, Catania 9.9.1960

  • I carabinieri della stazione di Piazza Verga hanno arrestato il catenese Angelo Varoncelli, 46nne, già ai domiciliari, su ordine di carcerazione emesso dalla procura del tribunale di Catania. L’uomo riconosciuto responsabile di evasione, reato commesso il 29 aprile 2008 a Catania, dovrà espiare la pena di 4 mesi di reclusione. L’arrestato è stato portato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

varoncelli angelo 10111970

  • I carabinieri di Misterbianco hanno arrestato un 61enne del luogo, su ordine di carcerazione emesso dalla procura di Catania. L’uomo dovrà espiare la pena residua di 2 anni e 4 mesi di reclusione poiché ritenuto responsabile di violenza sessuale, reato commesso a Misterbianco nel 2008. L’arrestato è stato associato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.
  • I carabinieri di Pedara hanno arrestato un 33enne del luogo, dando esecuzione ad una misura di sicurezza detentiva emessa dal tribunale di Catania. Il GIP, concordando in pieno con i risultati delle indagini condotte dai carabinieri, ha ritenuto l’uomo responsabile di lesioni aggravate, estorsione aggravata e violenza sessuale. In particolare i militari hanno accertato che il 33enne in diverse occasioni ha aggredito i genitori per estorcergli del denaro ed in una circostanza ha anche abusato della sorella. L’arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato associato in comunità terapeutica etnea.
  • I carabinieri di Giarre, nel corso di un servizio straordinario di controllo del territorio hanno ottenuto i seguenti risultati, arrestando su ordine di carcerazione il 43enne Massimo Mercurio, che dovrà espiare 2 anni e 8 mesi di reclusione per falsità materiale in atti e ricettazione. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza. Durante lo stesso servizio sono state denunciate sei persone, di cui due pregiudicate, per guida senza patente, sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro nonché minaccia ed oltraggio a pubblico ufficiale e porto di armi od oggetti atti ad offendere e sono state sanzionate 4 persone, di cui tre pregiudicate, per occupazione abusiva di suolo pubblico ed esercizio del commercio su area pubblica senza autorizzazione. Durante le operazioni sono state elevate contravvenzioni per circa € 2.000 nonché sequestrati oltre 200 Kg di prodotti ortofrutticoli. Sono stati inoltre controllate 28 persone, 12 veicoli, di cui 2 sottoposti a sequestro e fermo amministrativo ed eseguite 7 perquisizioni personali.

MERCURIO Massimo, nato a Giarre il 08.11.1973

  • I carabinieri di Piedimonte Etneo hanno arrestato un 24enne del luogo, dando esecuzione ad un’ordinanza emessa dalla Procura della Repubblica di Catania. Il provvedimento scaturisce da un’articolata attività investigativa condotta dai carabinieri che ha permesso di accertare che il giovane, in più occasioni, nel mese di agosto 2016 in un stato di ubriachezza abituale ha ripetutamente maltrattato la madre minacciandola per estorcerle del denaro. L’arrestato è stato associato nel carcere di Piazza Lanza.
  • Ieri, nel corso dei controlli documentali effettuati da personale della polizia di frontiera aerea nei confronti dei passeggeri in partenza per Londra Luton, si è proceduto all’arresto del cittadino cingalese Lenoraj Mariya Jeevathas nato in Sri Lanka, 29enne, denunciato per falsificazione di passaporto. Gli operatori della Polizia di Frontiera, tramite le strumentazioni in dotazione, hanno appurato che la pagina dati era stata alterata. L’arrestato, sottoposto a foto segnalamento, è stato portato nelle camere di sicurezza della locale questura in attesa del rito per direttissima previsto per stamattina.
  • La polizia ha arrestato Balkar Singh nato a Ludiana (INDIA), 44 anni, domiciliato a Catania, perché resosi responsabile del reato di rapina aggravata commesso ai danni di un connazionale. Il provvedimento trae origine da una corposa informativa di reato del Commissariato “Centrale”. Le indagini hanno accertato che l’arrestato, dopo aver aggredito con calci e pugni un suo connazionale provocandogli lesioni guaribili in 7 giorni e minacciandolo di morte con un grosso coltello, gli ha rubato 800 euro conservati a casa. Mesi prima si era reso responsabile di altra rapina ai danni di un altro connazionale. Si trova rinchiuso nel carcere di piazza Lanza.

Balkar Singh

  • Nella mattina di ieri, la polizia ha arrestato per il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti Cristian Buffardeci, 39 anni, pregiudicato per reati specifici. Nello specifico, alle 10,30 circa, a seguito di notizie apprese da una fonte confidenziale attendibile e relative alla presenza di un ingente quantitativo di sostanza stupefacente nascosta in un’abitazione e un box in via Faraci, nel rione di Picanello, si è proceduto alla perquisizione. Così è stato trovato un involucro di plastica contenente 880 grammi circa di sostanza stupefacente del tipo marijuana. Buffardeci è stato rinchiuso nel carcere di piazza Lanza.

Cristian Buffardeci

Comments

comments

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento