#AntcrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 2 agosto POMERIGGIO

carabinieri1-535x300-670x375
2 ago 2016 - 18:11

Ecco i fatti di cronaca più importanti di questo martedì 2 agosto POMERIGGIO: 

  • I carabinieri della compagnia di Catania Fontanarossa hanno arrestato, nella flagranza di reato, un 24enne e due donne di 44 e 20 anni, tutti incensurati di Enna, poiché ritenuti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In Viale Grimaldi a Librino, quartiere catanese noto purtroppo alla cronache per essere una delle piazze più prolifiche per lo smercio di droga al minuto, i militari del nucleo operativo, a conclusione di una breve ma proficua attività info-investigativa, hanno intercettato e bloccato un fuoristrada – modello Dacia Duster – di proprietà della 44enne. Nel perquisire l’abitacolo dell’autovettura i carabinieri  hanno rinvenuto e sequestrato mezzo chilo di hashish ed un chilo e duecento grammi di marijuana (valore di mercato vicino ai 20 mila euro). Gli arrestati, in attesa di giudizio, sono stati relegati agli arresti domiciliari.

 e

  • I carabinieri della tenenza di Mascalucia hanno arrestato, in flagrante, il 20enne Anthony Proietto, del luogo, reo di evasione. L’Autorità Giudiziaria lo aveva autorizzato per il tempo strettamente necessario  a recarsi da Mascalucia all’ufficio postale di via Galatioto a Catania – quartiere Picanello – per compiere delle operazioni. Dopo averle ultimate, non accorgendosi di essere pedinato dai militari dell’arma, il giovane si è attardato nel quartiere incontrandosi con alcuni pregiudicati e rientrando nel domicilio di detenzione molto più tardi del dovuto, e sull’uscio di casa, è stato fermato ed ammanettato dai carabinieri che gli hanno contestato la violazione dei doveri inerenti la misura detentiva cui era sottoposto. L’arrestato, in attesa del rito per direttissima, è stato trattenuto in camera di sicurezza.

    PROIETTO Anthony 16.1.96

  • I carabinieri della stazione di Aci Sant’Antonio (CT) hanno arrestato il 30enne, pluripregiudicato, Salvatore Orlando, di Misterbianco, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Catania. Grazie alla denuncia di una donna, una 33enne del luogo, i militari hanno potuto ricostruire e dimostrare  le vessazioni poste in essere dall’uomo nei confronti della stessa dal momento della fine della loro storia d’amore, durata cinque anni. Dal giorno dopo, lo stalker, non accettando la separazione unilaterale ha iniziato a perseguitare la donna con ogni forma di strumento – telefonate, sms, social –  e numerosi appostamenti sotto casa, giungendo addirittura ad arrampicarsi nelle tubature per lo scarico delle acque piovane, pur di raggiungere il piano abitato dalla vittima e poterle entrare in casa. L’arrestato, come disposto dal giudice, è stato ristretto agli arresti domiciliari con l’accusa di atti persecutori.  

ORLANDO Salvatore  CT   03.12.1985

  •  I carabinieri della stazione di Librino hanno arrestato il 39enne, catanese, Francesco Fazio in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Patti (ME).

    L’uomo è stato condannato dai giudici per il concorso in stoccaggio di materiale ferroso senza autorizzazione, reato commesso a Patti nel 2001. L’arrestato espierà la pena inflittagli, equivalente a sei mesi di reclusione, nel carcere di Catania Bicocca laddove è stato associato.

     fazio francesco

  • I carabinieri della tenenza di Misterbianco hanno arrestato il 56enne Salvatore Bonanno, del luogo, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dal Tribunale di Catania. L’uomo, condannato dai giudici per truffa, reato commesso a Catania  tra il 2012 ed il 2013, dovrà espiare una pena equivalente ad anni quattro e mesi sei di reclusione. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania Bicocca.  

BONANNO SALVATORE MISTERBIANCO 20.01.1960

  •  I carabinieri della stazione di Ragalna (CT) hanno arrestato, nella flagranza del reato, la 42enne Monica Livia Stefaniu, di origini romene, poiché ritenuta responsabile di incendio boschivo. Grazie all’intensificazione dei servizi di prevenzione mirati a scongiurare gli incendi boschivi, data la recrudescenza del fenomeno nel periodo estivo, una pattuglia dell’Arma nel transitare per la località Currone ha notato in lontananza la donna appiccare il fuoco alla macchia mediterranea esistente in quella zona. Fuggita è stata immediatamente inseguita e, dopo un centinaio di metri, bloccata ed ammanettata. I militari, nel perquisirla, le hanno trovato in tasca ben 4 accendini, utilizzati poco prima  per appiccare il fuoco. Per fortuna, il tempestivo intervento del Vigili del Fuoco del distaccamento di Paternò (CT), allertati dalla centrale operativa dei CC, ha scongiurato il propagarsi delle fiamme – che già avevano distrutto una vasta area coltivata e non  – verso la S.P. 57 che collega Ragalna a Paternò. L’arrestata, in attesa del giudizio per direttissima, è stata trattenuta in camera di sicurezza. 

 fiamme ragalna

  • I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Paternò (CT) hanno arrestato il 20enne  Marian Ioan Nechita, di origini romene, in esecuzione di un mandato di arresto europeo emesso dalla Autorità Giudiziaria romena. L’uomo, condannato dai giudici per tentato furto aggravato, reato commesso nel luglio del 2014 a Vaslui (Romania), dovrà espiare una pena equivalente ad anni uno di reclusione. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza. 

 nechita

 

Rossana Nicolosi



© RIPRODUZIONE RISERVATA