#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 18 gennaio MATTINA

Mattinale 18 gennaio
18 gen 2017 - 13:13

CATANIA - Polizia e carabinieri, ecco i fatti di cronaca di questa mattina: 

  • Ieri pomeriggio la polizia di Catania ha arrestato un cittadino extracomunitario, Ba Diara, maliano di 23 anni (nella foto sotto), per resistenza, violenza, lesioni e minacce a pubblico ufficiale. Nello specifico, alle ore 14:30, durante un servizio di controllo del territorio, gli agenti di una volante, nel quartiere “San Berillo vecchio”, hanno notato un giovane extracomunitario, già conosciuto per precedenti specifici, che si arrampicava su un balcone al primo piano di uno stabile abbandonato. Il cittadino extracomunitario, accortosi della presenza della polizia, è sceso dallo stabile e senza alcun motivo ha scattato con il telefono cellulare una foto agli uomini in divisa e alla volante. Alla vista di ciò, gli agenti hanno deciso di effettuare un controllo del soggetto, chiedendo spiegazioni su quel comportamento anomalo. Alle richieste degli agenti di spiegare quel comportamento ed esibire un documento, il cittadino extracomunitario è andato in escandescenza, scagliandosi sugli agenti, prendendoli a calci e pugni, opponendo resistenza e tenendo in mano una lametta da barba con la quale ha minacciato gli agenti, anche di morte. Datosi alla fuga per le vie limitrofe, il cittadino extracomunitario è stato rintracciato di lì a poco e ha ricominciato a scagliarsi contro gli agenti che, con non poche difficoltà, sono riusciti a bloccarlo, grazie anche all’ausilio di un’altra volante intervenuta. L’uomo, che è stato così identificato, ha già avuto diversi precedenti di polizia, era stato già sottoposto ad obbligo di firma e aveva il permesso di soggiorno scaduto. Per quanto accaduto è stato arrestato e su disposizione del pubblico ministero di turno è stato collocato presso le camere di sicurezza della questura in attesa della celebrazione della direttissima fissata per la mattinata odierna.

    diara ba

  • Nella serata di ieri la polizia ha effettuato servizi anti-rapina nel centro cittadino fino alla chiusura degli esercizi commerciali e ha disposto posti di controllo in punti nevralgici del capoluogo come in piazza Eroi d’Ungheria e piazza della Borsa. Ventotto veicoli e sedici persone sono state controllate. Numerosi i verbali al codice della strada contestati, mentre due autovetture sono state sequestrate e ad altri due veicoli è stato posto il fermo amministrativo. Infine, sono state ritirate due carte di circolazione.

  • La polizia di Catania ha arrestato Orazio Mannino, 31 anni (nella foto sotto), pregiudicato, in quanto responsabile del reato di scippo e tentata rapina ai danni di due donne. Nella tarda mattinata dello scorso 16 gennaio, gli agenti, durante un servizio finalizzato al contrasto dei reati predatori, passando a bordo di motociclo da via S. Euplio, ha sorpreso in flagranza di reato un uomo che si era reso responsabile di uno scippo ai danni di una donna appiedata. L’uomo di corporatura robusta, capelli rasati ed indossante un giubbotto scuro, corrispondeva alle descrizioni fornite poco prima dalla sala operativa della questura quale autore di una tentata rapina ai danni di altra donna. Altri agenti hanno provveduto a contattare quest’ultima vittima che, a causa della violenta azione del malvivente, era rovinata per terra; nella circostanza, la donna era riuscita a mantenere il possesso della borsa. Accompagnata negli uffici di polizia, la donna ha confermato quanto accadutole pochi istanti prima specificando che l’uomo l’aveva fatta cadere a terra senza però riuscire ad impossessarsi della borsa. Mannino, nel frattempo, condotto presso gli uffici della squadra mobile è stato arrestato e, una volta espletate le formalità di rito, rinchiuso nel carcere di piazza Lanza a disposizione dell’autorità giudiziaria.
    MANNINO Orazio classe 1986

  • La polizia di Catania ha tratto arrestato Angelo Micale, 24 anni (nella foto sotto), sottrattosi nella mattinata del 9 gennaio 2017 ad ordinanza di misura cautelare personale, emessa lo scorso 31 dicembre 2016 dal G.I.P. del tribunale di Catania nei confronti di 11 persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di una serie indeterminata di reati contro il patrimonio, rapina, tentata rapina, furto e ricettazione di auto e motocicli. L’uomo, ritenuto uno degli autori della rapina commessa il 26 ottobre 2015 ai danni di una gioielleria di questa via Etnea, è stato arrestato dagli agenti vicino l’aeroporto di Catania “Fontanarossa”, dove era giunto con volo proveniente dall’estero. Una volta espletate le formalità di rito, è stato posto agli arresti domiciliari a disposizione dell’autorità giudiziaria.
    MICALE Angelo classe 1993

  • I carabinieri di Catania hanno arrestato in flagranza di reato un catanese di 43 anni, per rapina aggravata. Ieri sera l’uomo, con il volto coperto da passamontagna è entrato all’interno di un Phone Center in via San Martino e armato di pistola ha costretto il titolate a consegnargli il denaro contenuto nella cassa, circa 900 euro. Una volta impossessatosi del bottino è fuggito via. Ma la scena non è passata inosservata ad un alcuni passanti che hanno chiesto così aiuto ad una pattuglia dei carabinieri che stava circolando in zona. I militari hanno immediatamente inseguito il rapinatore che, dopo un centinaio di metri, è stato bloccato, disarmato ed ammanettato. La pistola, una riproduzione di un revolver 38 special, è stata sequestrata mentre il denaro è stato restituito al rapinato. L’arrestato, una volta assolte le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di piazza Lanza.
    pistola Piazza Dante

  • I carabinieri di Catania hanno arrestato per evasione il catanese Francesco Giaquinta (nella foto sotto), 27 anni, già ai domiciliari. Ieri sera i militari, durante un servizio di controllo del territorio, hanno sorpreso l’uomo mentre si trovava fuori dalla propria abitazione senza alcuna giustificazione, in evidente violazione dei vincoli restrittivi a cui era sottoposto. L’arrestato è stato ricollocato ai domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.
    GIAQUINTO Francesco, catania 15.12.1988

  • I carabinieri di Catania hanno arrestato Santo La Ferlita (nella foto sotto), 26 anni, catanese, già posto agli arresti domiciliari, su un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla procura della Repubblica di Catania. Il provvedimento di aggravamento della misura cautelare scaturisce dall’evasione commessa dal giovane il 25 dicembre scorso, accertata e segnalata dai carabinieri all’autorità giudiziaria. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di piazza Lanza.
    LA FERLITA Santo, Catania 18.11.1989

  • I carabinieri di Santa Venerina hanno arrestato in flagranza di reato Emanuele Biancola, 36 anni, di San Pietro Clarenza e Antonino La Rocca, 36 anni, di Misterbianco, (entrambi nelle foto sotto) per furto aggravato in concorso e ricettazione in concorso. Ieri sera una pattuglia, durante un servizio di controllo del territorio, ha sorpreso i due in via Stabilimenti con una Fiat Panda, risultata rubata a Misterbianco appena due giorni fa, e una Fiat 500, rubata poco prima a Santa Venerina. Inoltre i militari, una volta perquisite le auto, hanno rivenuto e sequestrato numerosi attrezzi atti allo scasso, delle chiavi adulterine e cinque centraline elettroniche utilizzate per i furti d’auto. Le due auto sono state restituite ai legittimi proprietari mentre tutto il materiale ritrovato è stato posto sotto sequestro. Gli arrestati, in attesa della direttissima, sono stati posti agli arresti domiciliari.

    BIANCOLA Emanuele nato a Catania il 04.06.1979 LA ROCCA Antonino nato a Catania il 09.08.1980

     

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento