#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 18 febbraio MATTINA

14971223_10210944376707256_1444087842_n (1)
18 feb 2017 - 13:36

CATANIA – Polizia e carabinieri: ecco i fatti di cronaca più importanti della giornata.

  • Il personale del Commissariato di Acireale ha arrestato Angelo Musmarra, 19enne nato ad Acireale, pregiudicato, ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini dello spaccio di 10 grammi di marijuana, distribuita omogeneamente in sette involucri di carta cellophane e una in un piccolo astuccio di plastica. Nel corso della quotidiana attività info – investigativa finalizzata al contrasto dei fenomeni di spaccio di stupefacenti, intorno alle ore 17,00, in via F. Paradiso, all’interno di uno slargo nella zona denominata “Il Triangolo”, la pattuglia della Sezione Investigativa del Commissariato ha notato un gruppetto di giovani seduti sopra alcuni gradini, con atteggiamento sospetto. Uno di questi, Musmarra, alla vista dei poliziotti ha tentato di disfarsi di un oggetto, gettandolo a terra. Prontamente intervenuti, gli agenti hanno bloccato i giovani e recuperavano l’oggetto che era il portafoglio del pregiudicato: all’interno, oltre ai documenti, 7 “stecchette” di marijuana preconfezionate e pronte allo spaccio; un’ottava, Musmarra la teneva nascosta dentro ad una tasca del giubbotto. Musmarra ha numerosi precedenti giudiziari per il reato di spaccio e per furto aggravato. Per un fatto analogo, il giovane era stato già sottoposto agli arresti domiciliari, poi sostituiti con l’obbligo di firma presso il Commissariato di P.S. La droga, sottoposta ad analisi, si è rivelata in quantità tale da poter formare 38 dosi di marijuana da spacciare. Il P.M. di turno ha disposto per Musmarra gli arresti domiciliari, in attesa del giudizio per direttissima.
  • I carabinieri della Stazione di Scordia hanno arrestato Alfio Linguanti, 49enne, del luogo, su ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva emesso dal Tribunale di Messina. L’uomo dovrà scontare la pena di 1anno, 6 mesi e giorni 15 di reclusione poiché ritenuto responsabile di furto aggravato e resistenza a Pubblico Ufficiale, reati commessi il 26 luglio 2014 a Messina. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato posto ai domiciliari.

LINGUANTI Alfio, nato in Svizzera il 05.03.1968

  • I carabinieri della Compagnia di Catania Fontanarossa hanno arrestato in flagrante un 22enne catanese, ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. La scorsa notte i militari del Nucleo Operativo lo hanno beccato in Viale Biagio Pecorino mentre vendeva “erba” ad alcuni assuntori. Bloccato e perquisito è stato trovato in possesso di 50 grammi di “marijuana”, già suddivisa in dosi pronte allo smercio, e 50 euro in contanti incassati dalla precedente vendita. La droga e il denaro sono stati sequestrati mentre l’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari.
  • I carabinieri della Stazione di San Giovanni La Punta, hanno arrestato in flagrante una 27enne, di Catania, per furto aggravato. Ieri pomeriggio, su segnalazione da parte del personale addetto alla vigilanza, una pattuglia è intervenuta in contrada Bottazzi al Centro Commerciale “Le Zagare” bloccando la donna mentre cercava di allontanarsi con un carrello carico di prodotti alimentari, rubati poco prima all’interno del supermercato “IPERCOOP”. La merce, del valore di circa 150 euro, è stata restituita al direttore dell’esercizio commerciale.
  • I carabinieri di Santa Maria di Licodia hanno arrestato nella flagranza un 46enne ed un 38enne, entrambi del luogo, per furto di energia elettrica. Ieri mattina, i militari, insieme con il personale tecnico dell’Enel, hanno proceduto al controllo di alcuni appartamenti del centro cittadino ed hanno accertato che i delinquenti avevano allacciato i contatori privati alla rete elettrica pubblica.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA