#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 12 settembre POMERIGGIO

Mattinale 12 settembre
12 set 2017 - 14:13

CATANIA - Ecco le operazioni più importanti condotte da carabinieri e polizia a Catania e provincia.

  • La polizia ha arrestato Orazio Leonardi, 39 anni, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso lo scorso 10 agosto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catania, dovendo espiare la pena di anni 5 di reclusione per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Leonardi è stato rintracciato da personale della Squadra Mobile – Sezione “Criminalità Organizzata” – Squadra “Catturandi” in strada, nel rione di Nesima. Espletate le formalità di rito, l’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Catania “Piazza Lanza”
Orazio Leonardi, 39 anni

Orazio Leonardi, 39 anni

  • Stamattina, la polizia è intervenuta in viale Africa dove è stata segnalata una persona bloccata all’interno di un cortile condominiale dopo aver rubato alcuni oggetti dalle auo lì parcheggiate. Gli agenti, arrivati sul posto, hanno arrestato l’egiziano Samir Kirolos, 18 anni, per il reato di furto aggravato. L’uomo è stato trovato in possesso della refurtiva, di attrezzi per lo scasso e di un coltello a serramanico tenuto all’interno della tasca dei pantaloni
KIROLOS Samir

Samir Kirolos, 18 anni

  • Un uomo ha trovato in casa del nonno defunto una rivoltella calibro 38 SP e pensando fosse di sua proprietà, ha richiesto l’intervento del commissariato Borgo-Ognina. Il personale del commissariato, dopo l’attività investigativa, ha accertato che la pistola non era di proprietà del defunto ma di altra persona, uno zio ancora in vita che, così come emerso della documentazione, l’avrebbe dovuta detenere in un altro domicilio assieme ad altre armi (un fucile ed una canna per fucile). Invece è stato accertato che il fucile era detenuto nell’abitazione di un congiunto mentre la canna in casa di una terza persona, comunque affine. L’uomo è stato indagato per avere custodito le armi in luoghi diversi rispetto a quelli dichiarati all’autorità

 

  • I carabinieri di Catania Fontanarossa hanno arrestato in flagrante Gaetano Sebastiano Basso, 27enne, e Salvatore Lanzafame, 37enne, entrambi catanesi. I militari, durante un servizio per contrastare il fenomeno dello spaccio nel popolare quartiere Librino, hanno notato i due al Villaggio Sant’Agata cedere delle bustine, ricevendo in cambio denaro. I carabinieri hanno bloccato i due pusher trovandoli in possesso di 50 grammi di marijuana, già suddivisi in dosi e la somma contante di 140 euro in banconote di piccolo taglio, probabilmente provento dell’attività di spaccio, che sono stati sequestrati. Gli arrestati sono stati rinchiusi nelle camere di sicurezza dell’Arma in attesa di essere giudicati con rito direttissimo.

BASSO GAETANO SEBASTIANO LANZAFAME SALVATORE

Gaetano Sebastiano Basso, 27 anni, e Salvatore Lanzafame, 37 anni

  • I carabinieri di Catania Piazza Dante hanno arrestato per evasione in flagrante Domenico Calogero, 46enne di Catania, già sottoposto agli arresti domiciliari. Ieri sera, una pattuglia, durante un servizio di controllo del territorio, ha riconosciuto e bloccato l’uomo mentre si trovava in via Cordai in compagnia di altri pregiudicati. L’arrestato è stato ristretto nuovamente ai domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.
calogero domenico

Domenico Calogero, 46 anni

  • I carabinieri di Mascalucia hanno arrestato Salvatore Rapisarda, 21enne di Belpasso già ai domiciliari. Infatti, il GIP, su richiesta della locale Procura della Repubblica che ha concordato in pieno con i risultati delle indagini dei carabinieri, ha giudicato l’uomo responsabile di una rapina aggravata in concorso. In particolare i militari. L’uomo, con altri due complici, avrebbe rapinato un distributore carburanti a Sant’Agata Li Battiati. L’arrestato, come disposto dall’Autorità Giudiziaria, è stato ristretto nuovamente ai domiciliari
rapisarda salvatore

Salvatore Rapisarda, 21 anni

  •  I carabinieri di Biancavilla hanno arrestato in flagrante Placido Galvagno, 19enne del luogo, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La scorsa notte i militari, durante un servizio per contrastare il fenomeno dello spaccio nel centro cittadino, hanno notato il giovane in via Gemma cedere una bustina ad un “cliente”, prendendo le bustine da una botola per l’acqua sul manto stradale di quella via. Immediatamente bloccato e perquisito, l’uomo è stato trovato in possesso di 20 grammi di marijuana, già suddivisa in 10 dosi pronte per lo smercio e la somma in contante di 50 euro in banconote di piccolo taglio, ritenuta provento dell’attività di spaccio. I carabinieri nella botola hanno trovato anche una pistola semiautomatica a salve modello Bruni, con caricatore inserito con 15 colpi a salve, una confezione di 50 cartucce cal. 8 mm, sempre a salve ed altri 17 grammi di marijuana, suddivisa in 21 dosi. La pistola, le cartucce e la droga sono stati sequestrati. Inoltre l’acquirente, un giovane del luogo, è stato segnalato alla prefettura. L’arrestato è stato posto ai domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo, come disposto dall’Autorità Giudiziaria
GALVAGNO PLACIDO 14-03-1998 BIACAVILLA

Placido Galvagno, 19 anni

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA