#AnticrimineOggi

Succede a Catania e provincia: 11 ottobre MATTINA

Mattinale 11 Ottobre
11 ott 2016 - 12:54

CATANIA - Ecco le operazioni più importanti della mattina.

  • I Carabinieri della compagnia di Catania piazza Dante hanno arrestato, nella flagranza, il 22enne catanese, Massimo Grasso, reo di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. E’ accaduto nel tardo pomeriggio di ieri quando una pattuglia del Nucleo Operativo, in servizio antidroga a San Cristoforo, ha riconosciuto l’abituale spacciatore mentre accedeva in via Vela, tra via Plebiscito ed il Castello Ursino, per prelevare degli involucri di carta stagnola celati in un anfratto e cederli a pochi metri di distanza ad alcuni assuntori. I militari, intervenuti immediatamente, hanno rinvenuto nel nascondiglio e addosso al pusher 17 dosi tra cocaina e marijuana nonché 25 euro presumibilmente incassati dalla vendita degli stupefacenti. La droga ed il denaro sono stati sequestrati mentre l’arrestato, in attesa della direttissima, è stato relegato agli arresti domiciliari. Minore in carcere per furto in appartamento.

grasso-massimo-01101994img-20161010-wa0000

  •  I Carabinieri della Stazione di Catania Librino hanno arrestato un 16enne, catanese, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica dei Minori di Catania. Il minore, riconosciuto colpevole di furto aggravato in concorso, reato commesso nel dicembre 2015 a Catania, dovrà espiare la pena di mesi 5 di reclusione nell’istituto penale per minorenni di Catania Bicocca.
  • Ieri sera, i Carabinieri della Stazione di Trecastagni hanno arrestato, nella flagranza, un catanese di 46 anni, reo di furto aggravato. Si era introdotto illegalmente nel fondo agricolo di un privato cittadino del luogo ripulendo, nel giro di qualche ora, una quarantina di chili di castagne. Peccato che a sconvolgergli i piani ci ha pensato la pattuglia della locale Stazione che passando per quella via dottor Zappalà l’ha beccato nel preciso istante in cui caricava in auto i preziosi frutti. La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario mentre l’arrestato attenderà la direttissima in camera di sicurezza.
  •  Ieri sera, i Carabinieri della Stazione di Gravina di Catania hanno arrestato il 29enne Andrea Nicolosi, del posto, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dalla Corte di Appello di Catania. L’uomo ritenuto colpevole dai giudici di rapina aggravata, reato commesso a Catania nel luglio del 2013, dovrà espiare nel carcere di Catania Piazza Lanza una pena residua equivalente ad anni 6 di reclusione.

nicolosi-andrea-18-4-1987

  • I Carabinieri della Stazione di Acireale  hanno denunciato un 33enne di Aci Catena, reo di furto aggravato. La notte tra sabato e domenica scorsi il ladro si era introdotto illegalmente nei locali della famosa cereria asportando candele e ceri votivi per un valore di circa 8.000 euro. I militari della Stazione acese, ricevendo la denuncia del titolare della ditta, hanno immediatamente avviato una attività info-investigativa culminata con l’irruzione nell’abitazione dell’indagato laddove, previa perquisizione, è stata rinvenuta l’intera gamma di candele e ceri rubati. La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario.
  • Sono bastate poche ore ai Carabinieri della compagnia di Paternò per far luce sull’incidente stradale avvenuto ieri pomeriggio nei pressi del distributore “Eni Station” ubicato al Km 26 della S.S. dove un 77enne, a piedi, era stato travolto da un autocarro Iveco il quale conducente dopo aver causato l’incidente si era dato alla fuga. Gli investigatori del Nucleo Radiomobile analizzando le immagini registrate da alcune telecamere di sicurezza puntate sulla zona e col supporto di altri indizi raccolti nel sopralluogo post-incidente sono riusciti a collocare sul luogo dell’evento un 16enne di Paternò che, ovviamente senza patente, conduceva l’autocarro incriminato risultato di proprietà della “Società Coros S.r.l”, con sede a Paternò, attiva nel settore dei calcestruzzi. Il giovane investitore dovrà rispondere all’A.G. dei reati di lesioni personali stradali gravi, fuga del conducente in casi di lesioni personali stradali e guida senza patente. L’autocarro è stato sottoposto a sequestro per i successivi rilievi tecnici. Versa ancora in gravi condizioni l’anziano ricoverato ieri d’urgenza – a mezzo elisoccorso – all’Ospedale Cannizzaro di Catania.

dsc02156

  • Ieri sera, i Carabinieri della Stazione di Paternò hanno arrestato il 50enne Corrado Alvaro Fusto, del posto, in esecuzione di un ordine per l’espiazione di pena detentiva emesso dal Tribunale di Catania. L’uomo ritenuto colpevole dai giudici di furto aggravato, reato commesso a Catania lo scorso gennaio, dovrà espiare ai “domiciliari” la pena di anni 2, mesi 3 e giorni 12 di reclusione.

corrado-alvaro-fusto-25-1-66

  • Gli agenti del Commissariato di Polizia“ San Cristoforo” ha effettuato diversi controlli mirati alla tutela della salute pubblica e al contrasto dei maltrattamenti agli animali.
    In via Cesare Battisti sono state individuate diverse abitazioni abusivamente adibite a stalle al cui interno sono stati rinvenuti 4 cavalli, ognuno posto all’interno di un box in muratura.
    I locali erano caratterizzati da scarsa pulizia, una carente illuminazione artificiale e i box avevano una copertura insufficientemente alta per garantire il benessere degli animali. Atteso il maltrattamento accertato, è stato effettuato un controllo approfondito grazie al quale sono stati rinvenuti medicinali dopanti/anabolizzanti vietati e nocivi per l’animale nonché altri medicinali ad uso umano, detenuti senza titolo.
    Inoltre, sono stati anche trovati diversi cani, uno dei quali presentava ferite multiple, che, in ragione del suo stato di maltrattamento, è stato sequestrato. Il responsabile della detenzione degli animali, S.S. ha anche ammesso di avere somministrato gli anabolizzanti, pensando che si trattasse di integratori e vitamine: è stato denunciato per maltrattamento di animali e per detenzione illegale di sostanze anabolizzanti. All’interno dei locali, i classici calessi e i finimenti che notoriamente vengono utilizzati per le corse clandestine. Gli equini sono stati sequestrati a scopo preventivo e, a cura del personale della Squadra a Cavallo della Polizia di Stato, sono stati trasportati a Ragusa per l’affidamento in giudiziale custodia a un locale centro turistico rurale;
  • Controllati un bar e un ristorante, rispettivamente denominati Chiosco Bar Battisti e Pizzeria siti in via De Lorenzo angolo Via Cesare Battisti: l’attività è stata sospesa per mancanza dei requisiti igienico-sanitari, ed è stata irrogata la sanzione da euro 2.500 a 15.000 poiché il titolare di entrambe le attività non era in possesso delle previste autorizzazioni. Ulteriore sanzione da parte dei tecnici dell’Asp, per la presenza di prodotti alimentari privi di tracciabilità che, ovviamente, sono stati sequestrati;
  • In via De Lorenzo, il titolare di autofficina è stato denunciato per il reato ambientale di essendo privo di qualsiasi autorizzazione; inoltre, il titolare medesimo lo smaltimento dei rifiuti senza rispettare le dovute prescrizioni;
  • Nel quartiere di Picanello, gli uomini del Commissariato “Borgo Ognina” hanno denunciato per furto di energia elettrica, sempre tramite l’utilizzo di una calamita, il titolare della “Pasticceria Arena” di via Macaluso. Contestata anche la frode in commercio perché all’interno del congelatore erano conservati alimenti indebitamente congelati che, sul menù, non erano segnati con l’asterisco indicante la dicitura “prodotto surgelato”;
  • Nel tardo pomeriggio di ieri, personale del Commissariato “Centrale” in servizio di Volante, ha individuato e arrestato Fabio Vaccalluzzo, nato a Catania nel 1990, pregiudicato, resosi responsabile del reato di evasione. In particolare, il soggetto, agli arresti domiciliari per furto, nel corso di più controlli effettuati durante la giornata è risultato assente; successivamente, è stato rintracciato mentre rincasava ed accompagnato in ufficio per le formalità di rito e trattenuto nelle camere di sicurezza della Questura in attesa della celebrazione dell’udienza di convalida;
    vaccalluzzo-fabio-stampa

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA