Reazioni

“Uno spettacolo agghiacciante”, La Magna racconta la terribile notte fuori dal Mama Sea

13624684_1154773664587217_667678070_n
7 lug 2016 - 13:58

CATANIA - “Alle tre del mattino abbiamo sentito il rumore di un violentissimo impatto, poi le urla di chi si trovava fuori dal locale e alla fine le ruote di una macchina sgommare a grande velocità. Quando siamo usciti fuori ci siamo trovati davanti ad uno spettacolo agghiacciante: la scia di sangue che correva lungo la strada e due ragazzi in condizioni gravissime che non rispondevano. Li è scattato il panico, ma abbiamo prontamente chiamato l’autoambulanza… era l’unica cosa che si poteva fare”.

A raccontare i terribili momenti vissuti nella notte all’esterno della discoteca estiva MamaSea è il noto imprenditore Giovanni La Magna, uno tra gli organizzatori dell’evento di ieri sera.

Mentre racconta la voce ancora si spezza al ricordo di quelle immagini, ma soprattutto della disperazione di chi era presente.

“Al momento dell’impatto mi trovavo dentro insieme con la mia fidanzata - racconta La Magna -. Chi era lì davanti mi ha raccontato che ad investire i due ragazzi è stata una Peugeot 107 di colore scuro, ma non riesco a capire come sia potuto accadere - aggiunge -. Non ricordo di alcuna rissa all’interno del locale, dev’essere successo tutto fuori”.

Cosa sia successo con esattezza saranno i carabinieri a stabilirlo che sono già sulle tracce di chi, questa notte, ha completamente perso il senno ed ha deciso di centrare in pieno due ragazzi, possibilmente coetanei. Per quale motivo ancora non si sa.

Come se esistesse poi un motivo valido per commettere gesti del genere e poi fuggire.

Intanto, dalle prime ore di questa mattina il popolo social si è scatenato: commenti, condivisioni… ognuno dice la sua.

“Una scena da Far West” oppure “Ma dove andremo a finire?”. Tutti, infatti, si chiedono quali meccanismi arrivino a scatenarsi nella mente umana.

Al momento i due ragazzi si trovano all’ospedale Cannizzaro e le condizioni di uno dei due sembrano davvero gravi.

Vittoria Marletta



© RIPRODUZIONE RISERVATA