Arresto

Sparatoria a Sant’Alberto: fermato un diciannovenne

carabinieri
22 ott 2016 - 10:32

TRAPANI - Si era reso protagonista di una rissa e di un tentato omicidio lo scorso 14 ottobre al quartiere Sant’Alberto di Trapani. A distanza di qualche giorni, i carabiieri sono riusciti a risalire a lui.

Si tratta di Giuseppe Felice Beninati, 19 anni, pregiudicato, accusato di tentato omicidio, detenzione e porto illegale di pistola.

I fatti che hanno portato allo stato di fermo risalgono alla notte di venerdì 14 ottobre, una maxi rissa in via Michele Amari nel rione S.Alberto. Nella confusione e nell’atmosfera concitata il giovane si è armato di pistola ed ha sparato alcuni colpi contro Salvatore Cirrincione, 42 anni, anch’egli con precedenti alle spalle, raggiunto da un proiettile alla coscia sinistra. 

Al momento dello sparo dei colpi, la folla si è dileguata ed ha lasciato l’uomo ferito a terra, il quale è poi stato trasportato all’ospedale S.Antonio Abate e ricoverato in prognosi riservata. I militari hanno continuato a setacciare il territorio in piena notte, per evitare che gli scontri riprendessero.

Le indagini, ancora in corso per identificare la causa scatenante il litigio, hanno portato all’identificazione di Beninati, ritenuto colpevole e rinchiuso nel carcere S.Giuliano di Trapani.  

 

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA