Operazione

Smantellata rete di spacciatori a Ramacca. I clienti erano minorenni

Ucciso perché rubava marijuana, arrestati due incensurati di Marsala
Ucciso perché rubava marijuana, arrestati due incensurati di Marsala
6 apr 2016 - 07:36

PALAGONIA – Spacciavano alla villa comunale di piazza Margherita a Ramacca. Il loro clienti erano ragazzi minorenni ed extracomunitari. Smantellata rete di spaccio in provincia di Catania.

Il sistema era ben collaudato. C’erano sempre le vedette che lanciavano l’allarme nel momento in cui arrivavano i militari. I criminali erano riusciti ad allontanare dalla villa gli abituali frequentatori e ne avevano fatto la loro dimora per smerciare la droga.

La prima, poi la seconda, la terza e la quarta. Segnalazioni su segnalazione che sono arrivate alla sala operativa dei carabinieri di Palagonia e questa mattina è scattato il blitz, su richiesta del gip del tribunale di Caltagirone. 

Cinque le persone finite in manette: quattro in carcere e uno sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Sono tutti accusati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Al centro delle indagini il commercio fra marzo e aprile 2015.

Non appena qualcuno avvistata i carabinieri, le dosi di droga venivano abbandonate nelle aiuole della villa.

Nel giro di un mese, attraverso l’utilizzo delle telecamere di videosorveglianza, gli investigatori hanno individuato gli spacciatori.

Ecco i loro nomi: Gaetano Giuseppe Camelia, 25 anni, Francesco Costa, 32 anni, Michele e Francesco Oglialoro, 30 e 31 anni.

 E proprio Camelia era il boss. Il loro business puntava molto sull’ hashish e la marijuana.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA