Abusivismo

Siracusa, “Veleni in Procura” con favoritismi: condannati due magistrati

Fonte immagine: Tribunale Siracusa
Fonte immagine: Tribunale Siracusa
24 feb 2017 - 09:22

SIRACUSA - Accusati di abuso d’ufficio in concorso: Maurizio Musco, sostituto procuratore di Siracusa e Ugo Rossi, ex capo della Procura di Siracusa, sono stati condannati rispettivamente ad un anno e sei mesi e ad un anno di reclusione.

Questo è quanto confermato dai giudici della Corte di Cassazione durante la sentenza in Appello. 

Nello specifico, Musco è stato condannato per una mancata astensione nella vicenda giudiziaria che riguardava l’iter di approvazione della piattaforma polifunzionale Oikoten. Rossi, dal canto suo, non si è astenuto nella vicenda sulla gestione del servizio idrico in provincia di Siracusa che avrebbe coinvolto un suo familiare

Il processo, denominato “Veleni in Procura”, ha visto coinvolti nel 2012 anche un altro magistrato, Roberto Campisi e un ex ispettore del Nucleo investigativo reati ambientali, Giancarlo Chiara. Per i due, i giudici del terzo grado di giudizio, hanno confermato l’assoluzione per prescrizione del reato. 

Continua, dunque, il giro dei presunti “favoritismi”. 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA