Riqualificazione

Sindaco Barbagallo: “Saniamo un simbolo del degrado di Acireale”

Immobile fatiscente Acireale
4 feb 2016 - 19:23

ACIREALE  - Consegnati i lavori per la riqualificazione del rudere fatiscente di Largo Ittar. 

L’immobile, a piano terra, abbandonato da decenni, si trova ad angolo tra via Ettore Maiorana e Largo Ittar, nel quartiere Mandorle ed è considerato, dai residenti stessi, uno dei maggiori simboli di degrado del territorio acese.

Oggi iniziamo a sanare uno dei simboli di degrado della città, che ha creato notevoli disagi in termini di igiene e di sicurezza ai residenti della zona - ha dichiarato il sindaco, Roberto Barbagallo -. Si comincia da questo locale fatiscente, che l’Iacp metterà subito a bando affichè non torni ad essere nuovamente luogo di abbandono, ma ho anche chiesto ai funzionari e ai tecnici dell’Iacp di Catania di preparare altri progetti per il recupero degli altri due immobili abbandonati che si affacciano sulla piazza”.

L’intervento, difatti, rientra nella programmazione dei fondi ex Gescal in favore dell’Iacp, promossa e annunciata nel settembre del 2014 ad Acireale. Dei 14 milioni di euro sbloccati, sei sono stati destinati all’Iacp di Catania e Acireale, e oltre 150 mila euro furono destinati per la riqualificazione e la manutenzione del suddetto locale di 100 mq del quartiere Mandorle. 

Questo intervento restituisce e mette a reddito un immobile da tempo inutilizzato e ci consentirà di dare una presenza e arrivare a mettere un’unità immobiliare a sistema – ha spiegato il commissario Iacp Catania, Natale Zuccarello -. Dobbiamo cercare di non rendere vano l’intervento e fare in modo che alla fine dei 180 giorni previsti per il completamento dei lavori l’immobile, già destinato ad un uso commerciale, non resti chiuso ed esposto ad atti vandalici“.

Si spera, a tal punto, che l’avvio dei lavori di recupero di questo immobile possano concretamente innescare un meccanismo di rigenerazione e rinascita di un’area che non merita il degrado finora subito.

Daniela Torrisi



© RIPRODUZIONE RISERVATA