Decreto

Palermo, Catania e Messina, 100 mln destinati a parcheggi: meno traffico

traffico
9 set 2016 - 10:16

PALERMO – Per rendere le città più vivibili, aumentando l’uso dei mezzi pubblici e diminuendo il traffico, è stato firmato un decreto per la costruzione di parcheggi nelle città metropolitane e non solo.

L’assessorato alle Infrastrutture e Mobilità pubblicherà nei prossimi giorni sulla Gazzetta Ufficiale della Regione, un bando che prevede l’attribuzione di 100 milioni di euro per la realizzazione di parcheggi di interscambio.

L’assessore Giovani Pistorio e il dirigente generale del dipartimento Infrastrutture e Mobilità, Fulvio Bellomo, hanno firmato il decreto proprio ieri.

I bandi saranno due: il primo per le tre città metropolitane di Palermo, Catania e Messina; il secondo per i 33 comuni con popolazione superiore ai 30 mila abitanti o sede di porti strategici. 

Secondo quando ha dichiarato Pistorio, si tratterebbe di oltre 100 milioni di euro da investire in Sicilia per dotarla di parcheggi in elevazione o sotterranei in modo da favorire il decongestionamento urbano, ma anche per ridurre l’inquinamento acustico e quello atmosferico e incrementare il risparmio energetico.

A Palermo sono stati assegnati 49,8 milioni di euro, a Catania 23,2 milioni e a Messina andranno 17,6 milioni.

Ulteriori 12 milioni e 596 mila euro saranno suddivisi tra Siracusa, Marsala, Gela, Ragusa, Trapani, Caltanissetta, Vittoria, Agrigento, Bagheria, Modica, Acireale, Mazara del Vallo, Misterbianco, Paternò, Alcamo, Barcellona Pozza di Gotto, Sciacca, Monreale, Caltagirone, Carini, Licata, Augusta, Adrano, Canittì, Favara, Partinico, Mascalucia, Milazzo, Porto Empedocle.

Dalla pubblicazione sulla Gurs, i comuni avranno 180 giorni di tempo per presentare le istanze, ma dovranno comunque dimostrare di aver adottato il piano urbano del traffico o della mobilità o il piano urbano parcheggi.

Nel capoluogo siciliano, inoltre, sono in corso una serie di interventi infrastrutturali, come il raddoppio del nodo ferroviario, che in futuro potrebbero valorizzare questi parcheggi.

L’assessore Bellomo ha sottolineato che le somme potrebbero aumentare. Nel bando infatti è prevista la possibilità di una competizione finanziaria sia dei comuni che dei privati.

Roberta Rapisarda



© RIPRODUZIONE RISERVATA