Disperazione

Sfiorata tragedia a San Giorgio, padre sequestra la figlia e spara ai vicini

fucile
4 ago 2016 - 12:10

CATANIA - Nella notte a San Giorgio si è sfiorata la tragedia. 

Un uomo, Antonino Torrisi, classe ’78, da 10 anni senza lavoro, in preda alla disperazione, ha prima accoltellato il padre, che cercava di sedare una lite scoppiata poco prima, in modo non grave.

Nel frattempo  ha tenuto in ostaggio la figlia 16enne, mentre la moglie e l’altra figlia sono riuscite ad allontanarsi.

I vicini sentendo il trambusto sono corsi in aiuto, e qui si sfiora la tragedia: l’uomo imbraccia un fucile calibro 10, detenuto illegalmente, con matricola abrasa, e apre i il fuoco contro i vicini. Ne ferisce 4 ma fortunatamente nessuno è in pericolo di vita.

Quando la figlia riesce a divincolarsi dalla presa del padre i vigili, tramite delle fessure nelle persiane, sparano, ferendolo lievemente, quanto basta però per poterlo farlo accasciare a terra e irrompere in casa.

L’uomo ora è in ospedale, accusato di tentato omicidio plurimo e detenzione illecita di armi.

Omar Qasem



© RIPRODUZIONE RISERVATA