Microcriminalità

Settantasettenne recidivo nasconde pistole, polvere da sparo e cartucce: arrestato

carabinieri
4 feb 2017 - 10:24

CASTELVETRANO - Questa mattina, nell’ambito della manovra info-investigativa effettuata dalla Compagnia Carabinieri di Castelvetrano, i militari dipendenti, grazie al prezioso supporto dei colleghi dello Squadrone Eliportato “Cacciatori di Calabria” – da alcuni mesi impiegati nel territorio della provincia di Trapani a supporto dell’Arma territoriale – hanno arrestato Antoine Undari, 77enne di Marinella di Selinunte, per illecita detenzione di armi e munizioni. L’uomo era finito in manette lo scorso 25 ottobre per mano dei militari della Stazione di Marinella per gli stessi reati, dopo che i militari hanno trovato 4 fucili, una pistola e oltre 200 cartucce.

A seguito di perquisizione locale veniva trovato, questa volta, ben nascosto in una azienda agricola dell’abitazione dell’Undari il seguente materiale d’armamento, illecitamente detenuto, perfettamente efficiente ed in ottimo stato di conservazione, che veniva sottoposto a sequestro:

  • una pistola “revolver” 357 magnum, marca “ASTRA”;
  • una pistola “revolver” ad avancarica, calibro 31, marca “ASM BLACK POWDER”, corredata da 28 inneschi e 6 ogive dello stesso calibro;
  • una 1031 cartucce di varia tipologia;
  • 8 grammi  di polvere da sparo;
  • una ottica di precisione per fucile da caccia “ELECTRO-POINT HAKKO MARK WIII”;

Il materiale illecitamente detenuto sarà sottoposto ad accertamenti tecnici, finalizzati ad appurare l’epoca di detenzione e se sia stato utilizzato per commettere altri reati.

L’arrestato, dopo le formalità di rito e su disposizione della competente A.G. di Marsala, informata da questa Compagnia Carabinieri che procede, veniva sottoposto nuovamente al regime degli arresti domiciliari, in attesa di convalida. Si sottolinea l’importante contributo del personale dei “Cacciatori”, specificamente addestrato per le attività di ricerca e individuazione di armi e bunker anche nei territori più impervi.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA