Incontro

Servizi di igiene ambientale a Milazzo: obiettivo riduzione dei prezzi

tavolo tecnico rifiuti
30 ott 2015 - 17:32

MILAZZO – Questa mattina il sindaco, Giovanni Formica, ha convocato un tavolo tecnico sui servizi di igiene ambientale, presenti anche i rappresentanti delle organizzazioni sindacali Cgil, Uil, Fiadel, Rsa e MPS.

Il sindaco ha comunicato l’intenzione dell’Amministrazione di ridurre immediatamente i costi eccessivi relativi ai servizi di igiene ambientale, che oggi si aggirano intorno ai 7 milioni di euro e che prevedono per il 2016 un aumento di circa 800 mila euro.

L’ Amministrazione – spiega Formicavuole tutelare i cittadini, specialmente coloro che non hanno la possibilità di pagare, l’obiettivo principale è rivedere la complessa materia adottando tutte quelle soluzioni, anche le più drastiche. Siamo tuttavia disponibili prima di arrivare a richiedere soluzioni drastiche, a discutere il tutto con sindacati e azienda”.

Il rappresentante della Fiadel, Ferdinando Vento, ha evidenziato che “per ridurre le unità lavorative occorrono motivazioni serie che allo stato attuale non esistono”.

La sindacalista della Cgil, Isella Calì, concorda con il sindaco ma propone una rotazione del personale nei vari servizi e di potenziare la presenza dei cassonetti per la raccolta differenziata al fine di consentire il deposito della plastica e del vetro, prevedendo lo svuotamento costante.

Considerazioni condivise da Nunzio Musca, della Uil, che ha sottolineato la necessità di tutelare cittadini e lavoratori e che il servizio in città possa essere compiuto seguendo standard qualitativi elevati.

Antonino Paterniti, MPS, ha ribadito che “c’è tutta la volontà” e che “ci si sta organizzando in tale direzione operando anche gli investimenti richiesti pur in presenza di un affidamento trimestrale”.

Il sindaco Formica ha concluso: “Tale nuovo percorso dovrà però essere sottoposto a verifiche periodiche e funzionali all’unico obiettivo dell’Amministrazione che è quello di ridurre il costo annuo del servizio”.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento