Carabinieri

Sequestri e arresti per gioco d’azzardo e illegalità. E preso un latitante

images
20 giu 2015 - 19:05

CATANIA – Proficuo il lavoro svolto dai carabinieri sul territorio di Catania e provincia. Nel corso delle operazioni di controllo, oltre agli arresti, sono state individuate alcune macchinette da gioco illegali.

Il primo importante fermo è quello ai danni di Stefano Prezzavento, 30 anni, e associato alla famiglia mafiosa Santapaola-Ercolano. Era latitante dallo scorso 2 ottobre, quando, già condannato ai domiciliari, evase di casa per evitare un controllo dei militari. È stato ritrovato e catturato in un’abitazione in Contrada Granelli a Pachino, in provincia di Siracusa. 

Stefano prezzavento, 30 anni

Stefano Prezzavento, 30 anni

Nelle operazioni di ieri, sono stati fermati anche Vincenzo Verga, 29 anni (a sinistra nella foto in basso), e Antonio Scalia, 32 anni (a destra nella foto in basso). Entrambi erano evasi dai domiciliari: il primo è stato sorpreso in viale Moncada a Librino. Scalia, invece, in via Plebiscito a San Cristoforo. In attesa del processo, i due sono stati ristretti ai domiciliari.

Vincenzo Verga, 29 anni Antonio Scalia, 32 anni 

Altri tre arresti sono stati effettuati ai danni del quarantanovenne Sebastiano Mommo e di altri due suoi complici, rispettivamente di 46 e 39 anni. Sono stati fermati a Giarre a bordo di un’utilitaria in cui sono stati trovati circa 150 chilogrammi di rame. Il metallo faceva parte di un impianto elettrico di un’azienda agricola di Mascali. I malviventi sono in attesa del processo, mentre la refurtiva è stata restituita al proprietario.

Sebastiano Mommo, 49 anni

Sebastiano Mommo, 49 anni

Duro colpo anche all’illegalità. I carabinieri, infatti, hanno denunciato 4 persone per aver esercitato l’attività di gioco senza autorizzazione e senza aver identificato i giocatori. Inoltre, sono state ritirate 4 slot machine e 5 computer perché non collegati al monopolio di stato. In totale sono stati sequestrati 600 euro, probabile guadagno dell’attività illecita, ed inflitte sanzioni per 50 mila euro.

Slot Machine sequestrate

Infine, in una palazzina in via Zitelli a San Cristoforo, sono stati sequestrati due fucili: un Browning calibro 12 e un LR Weatherby Beretta calibro 22. Le armi saranno fatte analizzare dalla scientifica di Messina per verificare se siano state utilizzate in eventi criminosi.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento