Operazione

Sequestri di anabolizzanti illegali: perquisizioni anche a Catania

ANABOLIZZANTI
4 set 2015 - 09:45

CATANIA – In Italia sono state individuate dai carabinieri del Nas cinque persone accusate di aver prodotto clandestinamente steroidi anabolizzanti per farne poi commercio.

Proprio a Firenze uno degli indagati, un fiorentino, stava cercando di organizzare un grosso laboratorio bloccato grazie a due distinte operazioni del Nas e dei carabinieri della Compagnia di Carpi (Modena) che tra gennaio e febbraio 2015 avevano arrestato due persone.

A livello globale sono state sequestrate 135.000 dosi di steroidi anabolizzanti, oltre 630 chilogrammi di principi attivi di origine cinese, 2 milioni di dollari Usa, beni mobili ed attività.

Sono stati eseguiti, inoltre, 92 arresti, decine perquisizioni e sequestrati 16 laboratori clandestini per la produzione di steroidi. Le perquisizioni effettuate negli ultimi giorni in Italia, anche grazie all’Europol, sono state eseguite in quattro abitazioni a Catania, Livorno e Alessandria.

Nei laboratori sono stati sequestrati dispositivi per il riempimento di fiale, capsule, prodotti chimici e solventi, strumenti di laboratorio, principi attivi e materiali di imballaggio (fiale e capsule vuote, tappi, etichette), ma anche decine di confezioni di steroidi anabolizzanti ed ormoni industriale.

Attrezzature e materie prime venivano acquistate in maniera prevalente tramite Internet ed importate presentando false dichiarazioni in sede doganale.

Il mercato nero a cui i prodotti erano destinati era prevalentemente quello del body building. L’operazione Underground è il frutto di un’indagine condotta congiuntamente da Europol e dalla Us Drug Enforcement Administration (Dea), culminata in una serie di interventi a livello internazionale delle Forze di Polizia che hanno colpito ad ogni livello, spiega una nota dei carabinieri del Nas, il settore degli steroidi anabolizzanti illegali – dai produttori in Cina ai trafficanti che commercializzano le dosi letali in Europa e nel mondo.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento