Violenza

Segregata e costretta a rapporti sessuali al Cara di Mineo: arrestato nigeriano

polizia
31 gen 2015 - 14:05

MINEO – Un nigeriano di 21 anni, Mamud Yunus, è stato fermato da agenti della polizia di Stato con l’accusa di avere violentato e segregato una sua connazionale dal novembre dello scorso anno, nel Centro accoglienza richiedenti asilo di Mineo dove i due sono ospiti.

MAMUD Yunus-1

Il provvedimento è stato emesso dalla Procura di Caltagirone ed eseguito da agenti del locale commissariato. La donna era arrivata nel Cara il 5 ottobre 2014, con uno sbarco di migranti. Le era stata assegnata una camera singola, occupata però dal suo connazionale.

Secondo l’accusa, per le prime due settimane l’uomo avrebbe avuto un atteggiamento protettivo e fraterno con la nigeriana, ma successivamente l’avrebbe minacciata, picchiata e costretta a subire rapporti sessuali. Inoltre l’avrebbe segregata, impedendole di uscire, e minacciandola di morte.

Approfittando di una distrazione del 21enne, è riuscita a scappare dalla stanza e ad arrivare nel posto della polizia di Stato presente nel Cara, che ha avviato le indagini.

Il sostituto procuratore di Caltagirone, Fabio Salvatore Platania, ha disposto il fermo del giovane che è stato condotto in carcere.

La donna, dopo le cure del caso, è stata trasferita in una struttura protetta del Cara di Mineo e affidata alle assistenti sociali della struttura.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento