Intervento

Scatta la denuncia e viene sgomberato l’edificio dell’Ipab di via De Felice

Via De Felice
22 feb 2016 - 09:27

CATANIA - Da possibile risorsa per Catania a oggetto di discussione e polemica. Questa mattina, infatti, la polizia ha effettuato un blitz nell’abitazione di via De Felice 48, costringendo gli occupanti ad andar via e fermando 3 persone del comitato “CasaxTutti”.

La palazzina è di proprietà dell’istituto per Ciechi Ardizzone-Gioeni, ma da circa vent’anni è inutilizzata. Per questo, due giorni fa, una quarantina di persone ha deciso di occuparla.

L’edificio, infatti, è composto da circa 30 stanze e potrebbe essere utilizzato per diversi scopi, come spiegato dal rappresentante di “CasaxTutti” Fabrizio Cappucccio: “La struttura potrebbe essere utilizzata non solo per ospitare le persone che hanno necessità di un tetto, ma anche per offrire dei servizi che, negli ultimi anni, scarseggiano. Tra questi abbiamo in programma la creazione di un ambulatorio sociale, di una palestra e di un doposcuola”.

L’emergenza abitativa è un tema molto caldo nella città di Catania: basta pensare che circa 6 mila persone sono in attesa da 10 anni per avere un sussidio. E non si parla solo di gente senza lavoro o proveniente da altri paesi. Una situazione inaccettabile, per la quale il comitato si è mosso più volte, senza riuscire a trovare una soluzione: “Il nostro obiettivo è recuperare gli edifici inutilizzati e lasciati al degrado - spiega Cappuccio -. Vorremmo un confronto costruttivo con l’amministrazione per sederci a un tavolo tecnico per trovare un rimedio e non fermarci alle parole. Usare la forza come questa mattina, che è il secondo sgombero coatto a distanza di poco tempo, non credo serva a molto”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA