Conferenza

Sant’Agata: ultimi accorgimenti prima della festa

dav
1 feb 2017 - 14:37

CATANIA – Tutto pronto per la festa di Sant’Agata. E per l’occasione si pensa agli ultimi dettagli in termine di ordine e sicurezza. E non solo. Stamattina si è svolta nella Basilica Cattedrale la conferenza stampa sugli imminenti festeggiamenti di Sant’Agata.

Un incontro importante per i devoti avverà il 4 mattina quando il busto reliquiario verrà preso dalla folla e posizionato sull’altare. Uno sguardo, come ha sottolineato Monsignor Babrbaro Scionti, tra la persona di Agata e i suoi cittadini pronti a condurre la patrona per le via catanesi, nel rispetto della religiosità popolare.

Un aspetto appronfondito è stato della dimensione cristiana della festa, che deve essere coniugata alla sua manifestazione popolare. Non si devono eliminare gli aspetti esteriori e consumistici della festa, ma allo stesso tempo non confondere ciò che è cristiano da ciò che non lo è.

Inoltre, è stato presentato il percorso per l’offerta della cera e i relativi settori di inserimento. Per motivi di sicurezza, sono stati effettuati i dovuti controlli al fercolo, che è stato ritenuto integro e perfettamente sicuro, ma solo per sostenere una velocità a passo d’uomo.

Tra gli ospiti presenti in cattedrale la dottoressa Fabia Mustica, che ha mostrato e donato alla Basilica il suo dipinto in onore di Sant’Agata, rappresentandola nel corpo di una persona vera con un’espressione severa che solo una Santa può avere nel momento del martirio. La figura di Agata è decentrata per lasciar spazio a Dio, che si manifesta attraverso la luce.

Infine, è stata affrontata la questione delle dirette televisive. In seguito alle critiche sollevate alla Basilica in merito all’esclusività delle riprese, è stato invece confermato che non esiste alcuna esclusiva, dal momento che si tratta di una festa religiosa. La possibilità di trasmettere l’intero evento è stata concesso all’emittente televisivo che per primo ha presentato la domanda di partecipazione.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento