Aggressione

Santa Venerina, uomo accoltella la figlia: arrestato per tentato omicidio

Coltello in mano rapina
9 apr 2016 - 11:57

CATANIA -  Poteva finire in tragedia ma fortunatamente tutto è finito per il meglio. A Santa Venerina una banale lite tra marito e moglie stava per trasformarsi in un teatro di sangue, ma l’intervento dei carabinieri ha sventato il peggio.

L’uomo, un impiegato di 51 anni, avrebbe per motivi di gelosia, scatenato la sua rabbia nei confronti della consorte. La figlia della coppia, una ragazza di 26 anni, intervenuta nell’abitazione in difesa della madre, ha provocato nel padre un vero e proprio raptus che lo ha spinto a prendere un coltello da cucina e colpirla.

Fortunatamente, le forze del’ordine sono arrivate tempestivamente e, entrate in casa, dopo una breve colluttazione, sono riuscite a fermare l’uomo in tempo disarmandolo ed ammanettandolo.

La ragazza, medicata all’Ospedale di Giarre, se l’è cavata con cinque giorni di prognosi, per le “ferite da taglio alla zona palmare della mano sinistra”.

L’aggressore, accusato di tentato omicidio, è stato rinchiuso nel carcere di Catania piazza Lanza in attesa di processo.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA