Escursione

San Gregorio: universitari studiano la riserva Micio Conti

foto sg
19 dic 2015 - 12:47

CATANIA - Si è da poco conclusa una giornata particolarmente interessante per gli studenti dei corsi di laurea magistrale in Biodiversità e qualità dell’ambiente insieme, Scienze per la tutela dell’ambiente e del dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali che hanno avuto modo di partecipare a una lezione nella riserva naturale integrale “Complesso Immacolatelle e Micio Conti” di San Gregorio.

Gli studenti sono stati accompagnati dal docente universitario Pietro Minissale e guidati dal responsabile della fruizione dell’area protetta, Giovanni Sturiale, insieme al responsabile di ScuolAmbiente, Emilia Musumeci, e dagli esperti Saverio Sciendrello e Carlo Prato.

Nel corso della giornata gli studenti hanno avuto modo di visitare la grotta Micio Conti, appartenente a un sistema composto da altre otto grotte vulcaniche conosciute per le peculiarità naturalistiche, archeologiche e storiche.

Gli studenti durante la loro visitare gli antichi sentieri, dove ancora sono presenti gli esemplari di Quercus virgiliana, Quercus amplifolia e numerosi habitat naturali come la macchia mediterranea a Pistacia terebenthus e Rhamnus alaternus.

Nel corso della passeggiata hanno avuto anche modo di guardate attentamente anche la vegetazione arbustiva rupicola a Euphorbia dendroides, le praterie steppiche a Hyparrhenia hirta ed i praticelli effimeri a Trifolium nigrescens e Lotus angustissimus.

La giornata esplorativa degli studenti dell’università di Catania si è conclusa con l’osservazione di elementi floristici di elevato pregio naturalistico come la Linaria multicaulis subsp aetnensis, la Euphorbia ceratocarpa, la Aristolochia altissima rara liana sempre verde tipica degli aspetti arbustivo-lianosi, e la Bryonia cretica subsp acuta, cioè una specie rara localizzata tra formazioni arboreo-arbustive.

La giornata di studio esplorativo è stata organizzata dalla Cutugnata, centro universitario per la tutela e la gestione degli ambienti naturali e degli agro-ecosistemi, dell’università di Catania.

 

Francesca Guglielmino



© RIPRODUZIONE RISERVATA