Indignazione

San Berillo: il comitato “Cittadini Attivi” denuncia il degrado del quartiere e lancia un appello

presa da: www.siciliajournal.it
presa da: www.siciliajournal.it
25 nov 2015 - 11:09

CATANIA - Lo storico quartiere di San Berillo di Catania rappresenta un patrimonio culturale, storico architettonico, umano, sociale e di esperienze di cittadinanza attiva di alto valore per l’intera città. In questi anni il comitato “Cittadini Attivi” ha promosso processi di integrazione e inclusione sociale dei suoi abitanti cercando di costruire nuove relazioni tra il quartiere e la città.

Tale patrimonio oggi è messo in serio pericolo dai recenti e continui crolli, come in via Carramba e in via Pistone, che hanno obbligato l’amministrazione comunale a chiudere ampi tratti del quartiere, impedendo anche il semplice attraversamento dello stesso. Oggi, infatti, San Berillo rischia di essere un luogo non più vivibile dove al degrado si aggiunge altro degrado.

Questa situazione ha portato ad una assemblea straordinaria di quartiere, tenutasi lo scorso 22 Novembre, che è giunta alla conclusione di lanciare un appello aperto all’adesione di associazioni e singoli per chiedere all’amministrazione comunale l’apertura di un tavolo tecnico nel quale partecipino i rappresentanti degli abitanti, tecnici, giuristi e proprietari per trovare le giuste soluzioni al fine di salvaguardare  il patrimonio storico architettonico di valore unico e irriproducibile.

L’assemblea ha definito l’esigenza di far tornare la vita in quartiere garantendo la sicurezza e l’incolumità ai suoi abitanti, attraverso la messa in sicurezza dei palazzi e la riapertura delle strade, condizione necessaria per avviare un serio progetto di rigenerazione dell’intero quartiere.

La riunione straordinaria ha, inoltre, reso chiaro come il patrimonio storico architettonico non possa essere lasciato all’incuria e alle velleità di demolizione di cui il quartiere ha ancora conservato il ricordo in seguito allo sventramento iniziato nel 1957.

Per adesioni: adesionisanberillo@gmail.com e per le info: ldtsanberillo.org

Carlo Marino



© RIPRODUZIONE RISERVATA