Ripristino

Le Rocce di Mazzarò: l’ex villaggio nelle sapienti mani di Antonio Presti

Villaggio
30 lug 2015 - 16:51

MESSINA - Da tempo la Provincia di Messina sta cercando di ripristinare l’ex villaggio Le Rocce di Mazzarò che, ormai da anni, è lasciato al degrado e all’abbandono. 

Il project financing aveva preso in considerazione l’idea di affidare l’appalto ad un privato che, però, per delle anomalie riscontrate si è visto bocciare la pratica. Adesso, in coda per il progetto, spunta Antonio Presti, il noto personaggio di livello internazionale che vuole ripristinare il luogo facendone punto di incontro tra cultura e natura.

Le casette distrutte dell'ex villaggio Le Rocce.

“Questo magnifico posto va restituito alla bellezza. Va riqualificato e riconsegnato alla gente. Le Rocce è un luogo da aprire al pubblico. Ho avuto modo di vederlo e me ne sono innamorato, deve tornare ad essere condiviso da tutti”. 

Queste le parole di Presti che così spiega il suo piano per rilanciare l’ex villaggio: “Fare una scuola per la formazione turistica, un museo a ‘cielo aperto’, mettendolo in rete con un albergo di una decina di stanze che la Provincia possiede a Castelmola e che potrebbe essere trasformato in un Hotel-Design. Si può configurare un grande quadro di forte valenza culturale e turistica che comprenda Le Rocce, l’albergo di Castelmola, la villa dell’Isola Bella, il Parco archeologico di Giardini Naxos. Sono pronto a donare la mia collezione di Fiumara d’Arte e le stanze del museo-albergo Atelier sul Mare, realizzare altre opere e dar vita ad un museo sul mare, un giardino d’arte con opere, soprattutto piante ed essenze botaniche”. 

Antonio Presti sarebbe sempre più vicino a recuperare un punto panoramico per esaltarne il valore naturalistico e trasformarlo in un centro culturale a due passi dal mare. 

Antonio Presti

 

Commenti

commenti

Rossana Nicolosi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento