Segnaletica

Riposto, posizionati nuovi pannelli nelle spiagge per balneazione sicura

Segnaletica Riposto
17 mag 2016 - 18:46

RIPOSTO - Sono complessivamente 28 i pannelli posizionati nelle adiacenze delle spiagge fruibili ricadenti nel territorio comunale di Riposto, complessivamente 3 chilometri su 6, sulla scorta dell’ordinanza emanata dall’ufficio circondariale marittimo della Guardia Costiera di Riposto, riguardante la disciplina della sicurezza balneare nel circondario marittimo di Riposto.

Il sindaco Enzo Caragliano ha ribadito l’importanza di questi pannelli informativi ai fini di una fruizione sicura delle spiagge ripostesi informando i cittadini dei potenziali pericoli derivanti in quelle aree in cui la balneazione non è sicura per mancanza di apposito servizio di salvataggio e per il limite delle acque interdette non segnalato e per il limite acque sicure non segnalato.

Il primo cittadino ripostese è di fatto intervenuto sulle errate interpretazioni che sono state date sui social in riferimento alla segnaletica che il Comune ha finito di collocare a ridosso delle proprie spiagge, respingendo in particolare quelle strumentalizzazioni riguardo alla balneabilità del mare, paventando inesistenti divieti per inquinamento: “Si tratta di strumentali valutazioni al solo scopo di danneggiare l’immagine della nostra città: questi pannelli informativi, sui quali taluni hanno speculato, hanno solo l’obiettivo di informare i cittadini su temi che riguardano la sicurezza ed in particolare l’assenza di un servizio di salvataggio in mare ma al tempo stesso si ribadiscono alcuni precisi divieti che riguardano la pesca di qualsiasi genere nell’arco temporale compreso tra le 9 e le 19, il transito, la sosta e il bagno di animali (anche al guinzaglio), l’accesso, il transito e la sosta di veicoli. E inoltre: il tiro a secco di natanti o imbarcazioni, il divieto di campeggiare, pernottare o accendere fuochi, nonché abbandonare qualsiasi rifiuto, anche di piccole dimensioni, compresi i mozziconi di sigaretta”.

Il funzionario dell’Ufficio tecnino, Gregorio Alfonsetti: “Riteniamo che questo tipo di segnaletica sia fondamentale perché i cittadini sappiano quali sono i divieti e soprattutto i comportamenti da tenere, avendo piena cognizione del vademecum informativo, cosi da non incorrere in pesanti sanzioni amministrative in caso di violazione”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA