Convegno

Riflettori a Catania su ANPEC e ISFAR

IMG_1055
4 mar 2016 - 19:47

CATANIA - È stato presentato stamattina all’Hotel Nettuno di Catania il convegno regionale promosso dall’ANPEC, Associazione Nazionale Pedagogisti Clinici e dall’ISFAR, Formazione Post-Universitaria delle Professioni curato dai professori Guido Pesci, Marta Mani, Giuseppe Maira e Aurelia Billa.

Il convegno, che si terrà domani dalle 9,00 alle 18,00, che ha l’obiettivo di rivalutare l’unicità della persona, sarà presieduto dal professore Giuseppe Maira, docente di psicopedagogia, pedagogista clinico, mediatore relazionale, accompagnato dai professori Marta Mani, pedagogista clinico e docente ISFAR; Alberto Fischer, pediatra e presidente dell’Associazione Culturale di Pediatria Paidos e dal  procuratore distrettuale aggiunto della Procura della Repubblica di Catania, Marisa Scavo.

Ad esprimersi sul convegno è stata la professoressa Aurelia Billa che ha dichiarato: “Il convegno ha lo scopo di mettere in luce l’operatività del Pedagogista Clinico proprio nello smarrimento e nella solitudine generazionale dei nostri tempi, in particolar modo in una terra come la Sicilia che si sente isola sempre più isolata dal resto del paese e dall’intera Comunità Europea. Ma il problema della solitudine è di dimensioni molto più vaste, si insinua dentro le case normali, nelle famiglie giuste, negli anziani, nei giovani, nei bambini. Rende la persona fragile, alimenta disagi psico-fisici e socio-relazionali fino alla ricerca di situazioni estreme per colmare vuoti interiori e riscatto sociale. Il fenomeno del terrorismo, quale nuovo interesse  fra i giovani, deve portare a nuove riflessioni”.

Domani saranno presenti anche il presidente del consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Catania, Maurizio Magnano di San Lio, il consigliere delegato alla formazione, avvocato Orazio Torrisi e il presidente dell’Associazione Ad Maiora, l’avvocato Piergiuseppe Arena. 

Francesca Guglielmino



© RIPRODUZIONE RISERVATA