Il Caso

Rapimento della bimba a Scoglitti, decreto di espulsione per l’indiano

Indiano
22 ago 2016 - 18:10

RAGUSA - Continuano le polemiche sul caso di Ram Lubhaya, il cittadino indiano accusato del tentato rapimento di una bambina di 5 anni a Scoglitti e denunciato per tentato sequestro di persona e sottrazione di minore.

Il questore di Ragusa ha emesso per lui un decreto di espulsione dall’Italia.

L’indiano aveva già un precedente decreto di espulsione per i suoi precedenti reati, tra cui furto di rame e traffico di droga. Non avendo rispettato il decreto, il 16 agosto, il giorno del tentato sequestro, gli è stato reiterato il provvedimento.

Lubhaya è senza fissa dimora e non è stato possibile finora assicurargli un posto in un CIE, Centro di Identificazione ed Espulsione.

L’uomo entro oggi dovrebbe lasciare l’Italia, nonostante sia accusato di tentato sequestro di persona e sottrazione di minore.

Nel frattempo il sindaco di Vittoria, Giovanni Moscato, appare fiducioso nei confronti del lavoro svolto dai magistrati di Ragusa, richiedendo una generale “attenuazione dei toni”.

Moscato, come riportato da BlogSicilia, aggiunge che “nelle more del procedimento esistono tutte le condizioni per addivenire ad un provvedimento di espulsione amministrativa; chiediamo agli organi competenti di agire celermente in tal senso, per riportare serenità e sicurezza nel nostro territorio”.

Clelia Mulà



© RIPRODUZIONE RISERVATA