Blitz

Ragusa: poliziotti in costume per arrestare 5 spacciatori tunisini

2
29 ago 2015 - 11:31

RAGUSA – Spacciavano hashish secondo un modus operandi del tutto alternativo e quasi impeccabile. Parliamo di cinque uomini tunisini che sono stati arrestati dalla squadra mobile di Ragusa per avere venduto droga a giovani italiani, tra cui diversi minorenni, durante le ore pomeridiane. La loro base? La località marinara di Punta Braccetto.

La “macchina dello spaccio” funzionava a meraviglia: c’era il capo che custodiva i soldi tra gli scogli di una meravigliosa insenatura di “rocca dei tramonti” certo di eludere i controlli, e poi, per la spiaggia, tante sentinelle di cui molte in costume da bagno.

I cittadini stanchi della situazione che continuava a svilupparsi sotto la luce del sole hanno chiesto l’intervento delle forze dell’ordine, offrendo anche le loro case come punto di osservazione della situazione. Dopo una serie di accertamenti, è scattato l’insolito blitz da parte della polizia di Stato.

Gli agenti hanno abbandonato la divisa per indossare costume da bagno e infradito in modo da evitare di dare nell’occhio. Grande è stata la capacità di interpretazione: sembravano semplici bagnanti intenti a pescare o a leggere il giornale o a fare il bagno. E invece si guardavano intorno, scambiavano informazioni tramite whatsapp e studiavano il modo più adatto per intervenire.

Le sentinelle entravano in contatto con i clienti che passavano dalla strada vicino alla spiaggia. “Quanta e quale ne vuoi?” chiedevano e da li un continuo andirivieni di spacciatori che si scambiavano continuamente i ruoli.

Quando sono intervenuti i poliziotti ci sono voluti pochi istanti per scatenare il “fuggi fuggi”. Molte dosi di droga sono state gettate in acqua e altrettante quantità sono state sequestrate ai vari acquirenti.

I 5 uomini erano stati molto attenti a non detenere grosse quantità, per cercare di evitare guai con la polizia  ma le norme vigenti comunque prevedono una pena più grave per chi spaccia con “professionalità” a prescindere dalle quantità possedute.

Al momento la banda criminale si trova al carcere di Ragusa mentre il comune ha già provveduto a ripristinare la bellissima insenatura che veniva sfruttata per separare le dosi della droga che nel frattempo era diventata una specie di discarica.

Commenti

commenti

Vittoria Marletta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento