Aggressione

Ragusa, armato di coltello ferisce una donna in Piazza San Giovanni sotto gli occhi di tutti

Polizia
22 lug 2016 - 09:01

RAGUSA - È stato arrestato dagli uomini dell’Ufficio Volanti e della Squadra Mobile della Questura di Ragusa, Alessandro Greco, trentenne vittoriese con la grave accusa di duplice tentato omicidio ai danni di una donna rumena e del suo fidanzato di origini albanesi.

I fatti si sono verificati nel tardo pomeriggio del 19 luglio a Ragusa in Piazza San Giovanni. Alle 19,10 circa sulla linea 113 sono arrivate diverse richieste di aiuto che segnalavano una donna ferita da un giovane armato di un grosso coltello.

greco alessandro

In pochi attimi sul posto sono arrivate due volanti della Polizia che, con le descrizioni del soggetto hanno immediatamente cinturato la zona, setacciando palmo a palmo le vie del centro, riuscendo in brevissimo tempo a bloccare il giovane che alla vista dei poliziotti ha cercato invano di disfarsi di un grosso coltello da cucina.

L’uomo è stato immediatamente bloccato, perquisito e assicurato all’interno dell’auto di servizio. Recuperato e sottoposto a sequestro il coltello, dalla lama lunga oltre 20 cm, ancora sporco di sangue.

Intanto altri agenti hanno prestato soccorso alla donna ferita, una cittadina rumena di 25 anni che perdeva sangue in modo vistoso dalla testa. Sul posto anche un’ambulanza del 118 che ha trasportato la donna all’ospedale civile. Lì i medici hanno suturato la ferita e mandato in osservazione la donna con una prognosi di 15 giorni per una ferita lacero contusa da taglio nella regione parietoccipitale destra e trauma cranico.

La complessa attività investigativa è partita da subito con gli uomini della Squadra Mobile impegnati su più fronti. In primo luogo è stato rintracciato il fidanzato della donna, un cittadino albanese che si trovava sul posto al momento dell’aggressione.

Il giovane ha raccontato come, mentre si trovava in Piazza San Giovanni, all’interno del portico dell’ex palazzo INA in compagnia della sua fidanzata, ha visto arrivare un giovane di sua conoscenza che con passo deciso si è rivolto verso di lui e brandendo un grosso coltello da cucina ha tentato di colpirlo con forza. Lui è riuscito a schivare il colpo, nulla invece ha potuto la donna che a sua volta è stata colpita con un fendente al capo. Subito dopo l’uomo impugnando il coltello ha continuato a minacciare il giovane fino a quando si è allontanato dalla piazza per essere immediatamente dopo bloccato dagli agenti.

All’ospedale, dopo le cure, è stata sentita anche la donna che ha confermato la versione del fidanzato affermando come l’uomo è arrivato con l’intento deciso di colpire prima il suo compagno e poi lei. Alla complicata ricostruzione dell’intera vicenda è stato decisivo anche il sistema di videosorveglianza cittadino, di recente implementato con altre telecamere proprio nei pressi di Piazza San Giovanni e zone limitrofe.

L’occhio elettronico ha ripreso interamente i fatti con le conseguenti responsabilità, immortalando Alessandro Greco che, con passo deciso raggiunge diretto le due vittime designate, e con un grosso coltello cerca di attingere prima il giovane albanese indirizzandogli alcuni fendenti, e subito dopo ferisce alla testa la donna. Ricostruito anche il movente, con più probabilità legato al mondo della droga.

Alcuni giorni prima lo stesso giovane albanese era stato arrestato proprio in quella piazza per spaccio di sostanza stupefacenti dalla Squadra Mobile insieme ad un altro soggetto italiano. Nella stessa circostanza era stato fermato anche Greco quale acquirente della droga, che ha deciso di vendicarsi in questo modo del fatto che a suo parere gli era stata venduta una dose non corrispondente all’importo da lui pagato e per questo era molto arrabbiato con il giovane albanese.

Un’altra ipotesi, connessa sempre all’acquisto della droga (avvenuto pochi giorni prima del tentato omicidio), potrebbe essere legata ad una paura da parte di Greco di venire “punito” dall’albanese per aver riferito alla Polizia da chi aveva acquistato lo stupefacente, così avrebbe anticipato la ritorsione cercando di uccidere il giovane e la sua fidanzata.

Pertanto all’esito della complessa attività svolta sotto la costante direzione del Pm Francesco Riccio, Alessandro Greco, libero vigilato e pluripregiudicato, è stato arrestato per duplice tentato omicidio e rinchiuso al carcere di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

“L’importante risultato è stato frutto della sinergia operativa tra gli uomini dell’Ufficio Volanti e la Squadra Mobile della Questura di Ragusa, che, supportati anche dalla tecnologia della videosorveglianza comunale hanno assicurato prontamente alla giustizia i responsabili di un grave fatto di sangue”.

Ieri mattina, al Tribunale di Ragusa, l’arresto è stato convalidato e, tenuto conto della sussistenza delle esigenze cautelari, è stata applicata la misura della detenzione in carcere.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA