Lavoro

Protesta di 42 portalettere: “Noi discriminati da Poste Italiane”

protesta palma 2-10-14 2
2 ott 2014 - 13:31

CATANIA – “Poste Italiane non discriminateci“.  E ancora. “Non siamo lavoratori di serie b“.  È l’appello disperato dei lavoratori dell’agenzia di recapito Palma s.r.l., la più importante partner di Poste italiane in Sicilia oggi in protesta di fronte la prefettura contro i licenziamenti. 

La società per azioni (capitale detenuto al 100% dallo Stato), riferisce il sindacato, ha revocato dal 30 settembre la commessa alla ditta Palma con la motivazione  di voler internalizzare il servizio.  Con la chiusura dell’appalto a trovarsi in mezzo alla strada senza più un lavoro 42 padri di famiglia. L’azienda ha già avviato una procedura di mobilità. Io ho moglie e due figli disoccupati da mantenere”ci dice uno dei portalettere.

È un settore non in crisi ma in forte crescitaspiega Antonino Gelardi, rsu Cgil – basta pensare che il 65% delle raccomandate hanno come mittente Agenzie delle Entrate, Inps e Enel. Quindi sono tutti solleciti per morosità. In un periodo di crisi la gente non riesce a pagare e le cartelle sono aumentate. Nel 2000 consegnavamo 3.500 raccomandate, oggi superano gli 8.000 pezzi. Il lavoro c’e e noi abbiamo il diritto di lavorare”. 

protesta palma 2-10-14

E non mancano le conseguenze per il cittadino che vede sempre più abbassarsi la qualità del servizio. “Ci potrebbero essere dei ritardi nella consegna delle raccomandate - avvertono i lavoratori -.  I postini in questi giorni saranno pieni di lavoro”.

Davide Foti, segretario generale Slc Cgil presente al sit-in ci dice: “Il 9 ottobre avremo un incontro al Mise. Ci batteremo per far applicare la direttiva 23 del 2001. Una normativa europea sui cambi d’appalto che l’Italia non ha mai recepito.  Nel senso: tu vuoi internalizzare il servizio lo puoi fare ma ti devi prendere il personale”. 

Commenti

commenti

Mariangela Scandurra



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento