Indignazione

Profilo Facebook oscurato per Lunetto. Questore Cardona: “Atti già in Procura”

Marcello Cardona
Marcello Cardona, questore Catania
20 giu 2015 - 12:11

CATANIA - Il suo profilo adesso è oscurato e il questore di Catania, Marcello Cardona in una nota diffusa ieri sera agli organi di stampa ha sottolineato con fermezza: “La Digos della Questura di Catania ha provveduto a mandare in Procura gli atti relativi alle dichiarazioni pubblicate sul profilo social network da parte di un appartenente alla Polizia Ferroviaria di Catania”. 

Il punto è che quest’appartenente alla Polfer ne è proprio il responsabile sul territorio etneo. Lui, Gioacchino Lunetto, da ieri è nell’occhio del ciclone dopo la pubblicazione sulla sua bacheca Facebook di frasi poco felici come “Mi manca Hitler” per criticare la situazione politica attuale oppure “bruciateli vivi o rimpatriateli”, “buttateli a mare” in riferimento ai continui sbarchi di migranti sulla nostra isola. 

Parole forti…forse un po’ troppo. Lunetto ha peccato sicuramente di superficialità scatenando un’indignazione a catena che ha portato anche i politici ad intervenire sull’argomento con commenti molto critici.

Informerò il Governo, con un’interrogazione parlamentare al Ministero dell’Interno, sulla vicenda incredibile delle frasi razziste divulgate dal dirigente della Polizia Ferroviaria di Catania – ha tuonato Giuseppe Berretta, deputato nazionale del Pd - I numerosi post e i commenti pubblicati sono agghiaccianti. È inaccettabile che chiunque si lasci andare a simili esternazioni razziste, men che meno un funzionario di Polizia“.

Non più dolce il deputato Erasmo Palazzotto: Che un funzionario della Polizia di Stato si esprima in questo modo vergognoso è inammissibile. Sono inaccettabili i toni, gli argomenti, le minacce, le offese razziste e gli insulti alle Istituzioni del nostro Paese, a partire dal Presidente della Camera“.

La temperatura sale, dunque, e gli animi si surriscaldano… i prossimi per Lunetto saranno giorni di fuoco.

Commenti

commenti

Francesca Guglielmino



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento