Violenza

Prima gli lancia un mattone, poi prosegue ad aggredirlo noncurante dei carabinieri: in manette un 37enne

Pellicane Massimo carabinieri
1 set 2017 - 12:40

CAMPOBELLO DI MAZARA - Lancia un mattone dalla finestra a un automobilista di passaggio e lo continua ad aggredire noncurante dell’arrivo dei carabinieri. Il protagonista del fatto, Massimo Pellicane, 37enne, si è reso responsabile così di gravi aggressioni fisiche e minacce di morte ai danni di un uomo di Campobello di Mazara.

Le violenze sono culminate nella serata del 29 agosto scorso con scene degne di un film di azione. In quella serata, infatti, una pattuglia dei carabinieri impegnata in un controllo, è stata fermata da un uomo, la vittima dell’aggressione. 

L’uomo ha poi raccontato ai carabinieri di come poco prima, nel transitare con la sua autovettura nei pressi dell’abitazione di Massimo Pellicane, questi avesse gettato all’indirizzo dell’uomo un mattone di tufo che, fortunatamente, non lo ha colpito.

Mentre i militari erano intenti ad analizzare il racconto di quanto era accaduto, sopraggiungeva, alle spalle dell’uomo, proprio Massimo Pellicane che, evidentemente non soddisfatto di quanto accaduto prima, ha tentato di colpire alla testa l’uomo riuscendovi solo parzialmente grazie all’intervento dei militari.

La botta, fortunatamente, ha colpito solo “di striscio” la testa della vittima. Subito dopo, l’aggressore ha tentato di sferrare un secondo colpo al capo dell’uomo che questa volta è riuscito a proteggersi con il braccio.

La vittima ha tentato di reagire all’aggressione ma è stato bloccato dai carabinieri. Nel frattempo, l’assalitore si è allontanato dal luogo cercando raggiungere la propria abitazione ma è stato anche lui subito bloccato.

Data la gravità dei fatti, l’uomo è stato arrestato dai carabinieri e portato nel carcere di Trapani così come disposto dall’autorità giudiziaria della procura della repubblica di Marsala.

Due giorni dopo il Giudice competente ha poi convalidato l’operato dei militari.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA