Polizia

Preso d’assalto un mezzo dei Monopoli di Stato, arrestate 5 persone ad Adrano. IL VIDEO

DSC_0013
24 mar 2016 - 09:34

ADRANO - Un vero e proprio assalto. Cinque uomini armati, con volto coperto e senza scrupoli. È accaduto intorno alle 11.40 di ieri in contrada Ponte Saraceno.

I cinque malviventi hanno preso d’assalto un autocarro della ditta C.T.C. distribuzione s.r.l. che trasportava tabacchi e sequestrato l’autista e l’addetto.

La cittadina etnea sta vivendo uno dei suoi periodi peggiori. La criminalità ha raggiunto livelli elevatissimi e la comunità adranita vive nel terrore ma l’intensificazione dei controlli disposti dal questore di Catania, Marcello Cardona, e il costante lavoro sul territorio della polizia di Stato, hanno permesso di individuare e bloccare i cinque malviventi.

Maurizio Scarpato, pregiudicato adranita di 26 anni, Nunzio Caltabiano, catanese di 47 anni, Francesco Melia, catanese di 32 anni, Francesco Celeste, biancavillese di 27 anni e Alessandro Imbrosciano, catanese residente ad Adrano di 27 anni, (in foto da sx a destra) sono gli autori del furto.

 SCARPATO Maurizio n Adrano 04-11-1990 FS 1438 CALTABIANO Nunzio n Catania 29-05-1969 FS-1435 MELIA Francesco n Catania 08-02-1984 FS-1435    

CELESTE Francesco n Biancavilla 31-01-1988 FS-1437  IMBROSCIANO Alessandro n Catania 17-04-1988 FS-1439

I malviventi hanno bloccato il camion e minacciato i due impiegati con una pistola semiautomatica “invitandoli” a salire su un Fiat Fiorino rubato, per poi passare all’azione.

Un carico del valore di 100 mila euro in sigarette, infatti, è stato “trasferito” su un altro rimorchio e su una Fiat Punto, entrambi rubati.

 

 Le operazioni di ricerca condotte dagli agenti della polizia hanno permesso di individuare i due mezzi all’interno di una campagna in contrada Ponte Saraceno a circa 8 Km dal luogo in cui era stata perpetrata la rapina. I cinque soggetti sono stati sorpresi all’interno della campagna e dopo un breve inseguimento sono stati bloccati e arrestati.

Dovranno rispondere di rapina aggravata, sequestro di persona e ricettazione dei due mezzi rubati.

Dopo le formalità di rito i cinque rapinatori sono stati trasportati al carcere di Piazza Lanza a disposizione dell’autorità giudiziaria competente.

Marco Bua



© RIPRODUZIONE RISERVATA