Sequestro

Possedeva beni per 50 milioni di euro: confisca a Scinardo

dia 311014
31 ott 2014 - 11:34

CATANIA - I suoi legami con la mafia messinese erano chiari. Giuseppe Scinardo, imprenditore agricolo di Capizzi, lavorava a fianco dei Rampulla di Mistretta. fra i quali anche Pietro Rampulla.

Sapete chi è quest’ultimo? Condannato all’ergastolo dalla Corte d’Assise di Appello di Caltanissetta, è ritenuto l’artificiere della strage di Capaci. Fu lui a confezionare sia l’ordigno che esplose sull’autostrada Palermo-Trapani sia il telecomando utilizzato per uccidere Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i componenti della scorta.

A Scinardo oggi la Dia ha confiscato beni per cinquanta milioni di euro che si sommano ai duecento milioni della famiglia, già precedentemente sequestrati. Sono spuntati 324 terreni, 33 fabbricati e tre fra aziende e ditte individuali.

DSCN1337

Nelle sue proprietà venivano organizzati diversi summit di mafia e lì si vedevano sfilare i Rampulla di Mistretta, i componenti della famiglia di Caltagirone e quelli di Catania.

DSCN1345

A parlare sono stati i collaboratori di giustizia, fra i quali Umberto Di Fazio e Giuseppe Mirabile che hanno spiegato i rapporti intrecciati fra le due famiglie.

I Scinardo erano interessati alle energie rinnovabili tanto che si volevano impegnare con Cosa Nostra per lo sviluppo di alcuni progetti di fotovoltaico nella Piana di Catania.

DSCN1348

Commenti

commenti

Giorgia Mosca



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento